Si complica il riscatto di Smalling: tanta concorrenza anche in Premier League

by Daniele Mesto 34

Smalling

Una delle note più liete in stagione per la Roma, tra gli alti e bassi che fino a questo momento hanno caratterizzato la gestione di Fonseca, è senza ombra di dubbio Smalling. Il centrale inglese, infatti, salvo una breve parentesi a febbraio (quando tutta la squadra si è espressa davvero male a dirla tutta), ha sempre dato ampie garanzie, al punto che il suo riscatto appare scontato. Considerazione, però, che vale solo per la volontà giallorossa dal punto di vista tecnico, in riferimento alle ragioni che abbiamo appena esposto.

Il complicato riscatto di Smalling da parte della Roma

Le prestazioni di Smalling, in questi mesi, non sono certo passate inosservate, al punto che tanti club hanno messo gli occhi su di lui. Se da un lato sembra scemare l’interesse dei principali club di Serie A, con Inter e Juventus che per ora non sono andate oltre semplici sondaggi presso il Manchester United, qualche problema in più di concorrenza per i giallorossi potrebbe arrivare dalla Premier League.

In particolare, appare forte come non mai l’interesse del Tottenham di Mourinho, che non a caso rischia di perdere Vertonghen a fine stagione ed ha bisogno di sostituire il proprio centrale con un elemento d’esperienza. Le considerazioni fatte in questo senso dal Corriere dello Sport sono molto chiare:

“Chris Smalling ha convinto la Roma: l’ex Manchester United, arrivato in estate in prestito oneroso, con le sue prestazioni positive si è guadagnato un’ipotetica conferma in giallorosso. Ipotetica, perché nella trattativa tra Roma e Red Devils (20 milioni di euro la richiesta, 16 milioni l’offerta) si è inserito il Tottenham, colpito dal valore di Smalling e deciso a sottrarlo ai capitolini: lo riferisce il Daily Mail”.

Insomma, è altamente probabile ad oggi che nel caso in cui la Roma voglia tenere Smalling nella Capitale, sarà necessario riscattarlo per la cifra pattuita qualche mese fa con il Manchester United. Al netto della sua età, considerando il fatto che parliamo di un giocatore non più giovanissimo (a novembre ha compiuto 30 anni), potrebbe convenire a Petrachi fare un piccolo sacrificio e sborsare i 20 milioni di euro richiesti dal club inglese, alla luce delle risposte fornite in campo dallo stesso Smalling.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Comments (34)

  1. ..e tanto x peggiorare il momento. a qnto pare la trattativa di cessione è saltata.
    qsto significa ke nlle mani di paperino siamo letteralmente nella merdaaaa!!!
    altro ke riscatto di smalling prepariamoci a salutare tutti i big.

    1. a quanto pare? dove lo hai letto?

      Perche che ci sia un rallentamento mi pare la NORMALITA vista la situazione… Situazione che porta perdite nelle casse della roma, ergo il prezzo di vendita potrebbe esser a vantaggio di friedkin.

      Usando un po di logica stringente, questa situazione di PANDEMIA ( stato mondiale emesso dall’OMS ) giova nella trattativa a friedkin e pone in svantaggio pallotta che ricordo abbia una scadenza nella vendità della società, imposta dalla banca e dagli investitori.

      Non vedo perche debba esser saltata la trattativa.

  2. nnt siviglia-roma.
    si kiude x virus.
    se tutto va bene se vedemo ad aprile..

    1. Partita secca e in campo neutro. Questa è la soluzione che sta cercando di portare avanti la Uefa per Inter-Getafe e Siviglia-Roma, le due sfide di Europa League che sono appena state rinviate

      21
      Leggi i commenti
      “La Uefa sta cercando una soluzione e siamo sicuri che sarà la migliore possibile – ha detto Villaverde -. L’idea è quella di non alterare eccessivamente la composizione dei calendari e di arrivare al sorteggio della fase successiva col quadro di incontri completato. Visto che tanto Milano come Madrid sono condizionate dal coronavirus l’idea è quella di allontanarsi dalle due città. E non è detto che si giochino due sfide, si sta valutando l’ipotesi di una sfida unica per alleggerire i calendari”.
      LEGGI ANCHE
      Adesso è ufficiale: Inter-Getafe e Siviglia-Roma rinviate dall’Uefa
      Ufficiali i rinvii di Inter e Roma
      Intanto l’Inter si allena
      PRONTI— Il campionato italiano è fermo fino al 3 aprile e quello spagnolo potrebbe fermarsi domani per due turni. Abbiamo chiesto a Villaverde se la cosa potrà influire nella ricerca della nuova data della partita: “No, le competizioni europee seguono un cammino indipendente rispetto a quelle nazionali. Anche perché nessuno ha intimato alle squadre di sospendere gli allenamenti. Tutti si stanno preparando e continueranno a farlo per farsi trovare pronti nel momento nel quale si dovrà giocare”.
      19 MARZO— L’idea della Uefa sembra dunque essere quella di far disputare le due sfide (Inter-Getafe e Siviglia-Roma) giovedì prossimo, il 19 marzo, con ogni probabilità a porte chiuse, cosa che annullerebbe il fattore campo e lascerebbe questa specie di spareggio ad armi pari in quanto a condizioni ambientali. In questo modo si salverebbe la competizione e non si altererebbe il calendario.

      1. ora bloccano tutto, ma quei cojonazzi dell’uefa nn solo dovevano farlo prima, ma logica vuole ke gli europei slittino di 1anno (o magari li fai tra novembre e dicembre 2020). e se il caldo mette k.o. sto virus tra maggio e giugno finisci campionato e coppe.

  3. Un paio di giorni fa, dopo circa 10 anni, ho guardato un’edizione del tg4. Un servizio criticava aspramente i ragazzi di Roma che la sera uscivano invece di stare a casa. Poco dopo si è parlato di sport commentando la vittoria della juve contro l’Inter (due squadre con relativi entourage provenienti dalla zona più a rischio). Di fronte agli abbracci dopo il goal juventino il giornalista commentava:”Be’, il calcio è passione, è euforia, è normale che i calciatori si abbraccino.”

    A parte lo spiacevole, a mio parere, commento, quello che mi stupisce è che non ci sia stato nessuno, nelle rispettive squadre, che abbia suggerito ai giocatori, data la situazione particolare, di dare l’esempio con un comportamento più sobrio. Non tanto per la diffusione tra di loro, che è impossibile limitare all’interno di uno spogliatoio, ma proprio per mandare un messaggio di attenzione a chi li guarda. Un minimo di sensibilità: ci sarebbe voluto tanto? Invece il calcio è un mondo talmente distante dalla vita vera da non pensare minimamente a quello che accade nella realtà. Dai presidenti ai direttori sportivi ai calciatori: non importa niente proprio a nessuno. A volte mi domando quale senso abbia seguirlo.

    1. concordo ed aggiungo…. ma avete visto i servizi sulla vittoria dell’Atalanta? Tifosi a destra e manca ma quali assembramenti vietati.

  4. tratto da sky tg 24:
    Il dottor Paolo Ascierto, ai microfoni di Sky TG24, ha spiegato: “nel corso di questo fine settimana, a Napoli, sono stati curati con un farmaco solitamente usato per l’artrite reumatoide, affermando che uno di loro (il degente intubato) “verso il pomeriggio della domenica aveva già segni importanti di ripresa, in termini di ossigenazione” […]

    fusse che fusse la volta buona….. un abbraccio a tutti i Lupi sparsi per il mondo.

    p.s.
    quaglie merda !!! ;)))

  5. domanda: ma se la spagna ha bloccato i voli da e per l’italia, la roma cme ci va in spagna? in pullman coi finestrini aperti, in treno cn cabine singole xogni tesserato o in taxi cn makkine distanti almeno 1 metro?

  6. Rimango basito di fronte a certe situazioni.
    Certe persone sono rimaste indietro nella catena evolutiva.
    Fosse per loro saremo fermi all’Australopiteco.
    È ormai chiaro che la diffusione del virus finirà per colpire prima o poi giocatori, arbitri, tecnici, staff ……
    È solo una questione di tempo.
    Se poi qualcuno vorrà far terminare comunque questo campionato ci provi, ma sarebbe una cosa senza senso e che si arenerebbe ben presto tra le polemiche al primo caso di positività di un giocatore.
    Come sarebbe senza senso proseguire le coppe, sapendo che a breve si fermeranno i campionati anche in Europa.
    E penso che anche il prossimo campionato sarà a rischio visto che il vaccino non lo avremo per l’estate.
    Quindi prevedo difficoltà anche ad iniziare la prossima stagione.
    La normalità arriverà solo quando avremo una soluzione a questa pandemia, ovvero la vaccinazione.
    Per qualcuno ci vorrà 1 anno per avere un vaccino, per altri addirittura 2 anni.
    In tutto questo, come già espresso in passato, non capisco quale vantaggio abbia Friedkin ad acquisire la Roma ora. Inevitabile che la cessione salti, almeno per ora.

    1. Ciao Down,
      circa un settimana fa, basandomi su dati puramente statistici, e dunque solo parzialmente applicabili a un virus che si conosce poco, avevo ipotizzato con i miei famigliari che la cosa dovrebbe risolversi più o meno entro giugno (fine maggio nell’ipotesi più felice).
      Tu hai sicuramente dei dati migliori dei miei, che provengono solo da speculazioni personali.

      La cosa che maggiormente mi colpisce in questa situazione è il sistema informativo che divulga con molta facilità notizie imprecise o parziali ormai da un mese. Sembra che nessuno possa sfuggire alla propria natura, o alla natura del proprio ruolo, ma è disarmante la prevedibilità delle notizie che si susseguono.
      Un abbraccio a te e a tutti gli utenti del sito.

  7. Raga è tempo di pensare ad altro nn si può giocare così al primo giocatore positivo nessuno vorrà più giocare e le squadre intere dovranno andare in quarantena sarebbe un casinò

    1. Oltre all’aspetto di salute nazionale che è il più importante in assoluto. Aspettiamo aprile e vediamo che succede e se potete state a casa. Vi dico solo che io e mia moglie abbiamo una farmacia e siamo con mascherine guanti e guai seri

  8. La situazione è gravissima ragazzi.

    Leggere vari commenti laziali ed ascoltare diaconale , bocca di Lotito, mi fa schifo.

    Cercando di uscire un attimo dal generale, il calcio non poteva andare avanti.

    Il campionato fermandosi non può più avvalersi del fattore ATTENDIBILITÁ.

    Chi va in Champions? Chi si prende lo scudetto?

    Il campionato non è/era finito, quindi ancora tutto da vedere: posti Champions e scudetto ancora in ballo.

    Cosa fare quindi?

    A differenza di calciopoli, dice era già tutto finito e deciso, non avendo, oggi, ancora nulla di fatto, si potrebbe, secondo me, decidere di NON DARE nessuno scudetto e fare andare in Champions e in Europa luege le squadre in base al loro ranking

    RANKING… Agnelli non volendo, forse, ha creato una similitudine con quello che potrebbe succedere.

    La cosa sicura è che il campionato non potrà riprendere sia per pericoli contagio che per l’attendibilità dello stesso.

  9. Ascolto ancora oggi dichiarazioni imbarazzanti che nemmeno degli interdetti potrebbero partorire.
    L’ultima quella di Diaconale.
    Nessun lombardo in questo momento potrebbe farne visto che ormai molte famiglie iniziano ad avere parenti o amici ricoverati o deceduti.
    È solo questione di tempo ed anche in altre regioni d’Italia il problema esploderà nella sua gravità e allora, solo allora, tutti prenderanno coscienza del problema e il calcio passerà all’ultimo posto nella scala gerarchica delle priorità.
    Questo varrà anche per il noto portavoce sbiadito che in futuro, spero, si vergognerà per aver detto certe sciocchezze in un momento simile.
    Per quanto mi riguarda, pur essendo romanista, che la lazio vinca o non vinca questo scudetto a questo punto non mi interessa proprio e credo che questo valga anche per una buona parte ‘“sana” della sua tifoseria.

    1. ke bloccano il campionato è sicuro, ma xevitare ke dirigenti masanielli e tifoserie scendano in strada a far la guerra (xkè finirà così soprattutto se metti il the end ai campionati di a e b). congeli gli europei e li sposti al 2021. così tra maggio-giugno completi la stagione.

      1. A maggio e giugno non è detto che l’emergenza sia finita.
        E fidati, tra qualche settimana, agli italiani non fregherà nulla dei campionati, perché avranno altro a cui pensare.
        La guerra sarà di altro tipo.

      2. sull’emergenza concordo, ma solo xkè in italia si fanno le cose a cazzo di cane. io sto a palermo e ieri al porto sno sbarcati dalle navi, gruppi di crocieristi orientali. cioè se qsti sno i controlli la vedo lunga la guerra…

  10. lo sapete cme finirà? ke blokkeranno il campionato.
    ma dico io: è + importante l’europeo o i tornei nazionali ed internazionali?
    a me sinceramente dlla nazionale nn me ne frega nnt, quindi sospendessero l’europeo, così i calendari si possono diluire tra maggio e in caso giugno..

    1. ma chi se ne importa. è più importante la salute delle persone. ci stanno pure a pensare… ah i soldi, non gli bastano mai!

      1. i danni economici sno bestiali. ma è cmq tutto una buffonata.
        prima chiudi gli stadi e ora fermi pure la stagione?
        xkè la gente nn si affolla alle poste o nei supermercati? o le cose si fanno bene o sennò fai andare avanti il giocattolo a porte kiuse. xkè il decreto così fa acqua da tutte le parti.

      2. la gente è tdc ma le istituzioni si prendano le responsabilità. tanto così a che serve?

  11. Friedkin ha bloccato la trattativa per l’acquisto della Roma a causa degli effetti del coronavirus…. non c’è rimasto più niente

  12. Trovo assolutamente ingiusto che Siviglia Roma si giochi a porte aperte e il ritorno a Roma no, per garantire la regolarità e la competitività dei due tornei europei, andrebbero giocate a porte chiuse sia le gare di andata che di ritorno, finché il pericolo del virus sarà concreto ma questi ovviamente se ne fottono della competitività, cercano di limitare al minimo i danni economici, competizione comunque falsata, la Roma già aveva poche possibilità prima, figurarsi adesso, ma è falsata per tutti.

    1. ma gli spagnoli sò furbi. noi avendo un paese debole (ke a mio modesto parere ha preso decisioni troppo drastike) ci bekkiamo sti provvidementi ke ovviamente penalizzano la roma.

  13. Permettetemi di dire che è irreale che friedkin venga a roma e dilapidi quello che di buono c’è.

    Hai una base da cui ripartire importante secondo me e venderla o non riscattarla sarebbe delittuoso.

    Senza mettere nessuno in formazione questi sono i giocatori da cui ripartire: pau lopez, spjnazzola, smalling, mancini, diawara, veretout, villar, pellegrini zaniolo, miky, kluivert, under, perez, dzeko.

    Il resto può esser venduto, o almeno non è indispensabile.

    A questi vanno aggiunti un terzino destro sicuro, un centrocampista di qualità ( magari castrovilli ) e un attaccante giovane ( magari jovic del real ).

  14. se nn riscattiamo smalling il buon petrachi dovrebbe nascondersi. aveva la possibilità di prenderlo a 20 mln e li vale tutti…e che fa ? offerta ridicola….a mio modesto avviso dopo tutte le figuracce e gli acquisti sbagliati deve fare le valige e tornare da Cairo

    1. una cosa è segura: se nn arriviamo al 4, nn lo riscattiamo; tra l’altro il giocatore riceverebbe offerte + allettanti per calpestare il palcoscenico champions.

    2. rassegnamoci, Smalling non lo riscattiamo. con Friedkin riparti da zero, i dirigenti cercheranno stipendi bassi cosa che un giocatore a quell’età non si ridurrà mai così tanto. poi ha ottime alternative, prezzo alto

  15. Questo sintetizza perché la Roma non ha continuità nei risultati, se punti su uno e questo va bene devi riscattarlo o non vederlo altrimenti non puoi ragionare sul lungo termine. Non ha senso ma è da anni che lo diciamo, menomale che questo mo si leva dalle palle, questo modo di gestire un team è fallimentare per le sue tasche e anche per le nostre prospettive sportive, risultati e conti parlano in entrambi i casi.

    1. Scusate per “questa” ridondanza. 😅

    2. ben venga il nuovo proprietario, xkè paperino ne ha combinate di tutti i colori e finalmente se leva da los cojones. ma.. sempre americani sò… e se vojono fare bene, dvono capire una cosa: in italia nn puoi gestire un club cn la mentalità yankee, ti dvi invece fondere col ritmo dlla città e soprattutto ci dvi mettere passione e trasparenza.

  16. pensieri sparsi.
    ma se dovessero bloccare definitivamente il campionato xcolpa dl virus ke succede?
    1) la classifica resta qsta e quindi i piccioni vincono lo scudo e noi andiamo in europa-league?
    2) questo campionato rimane nl limbo o riprende a settembre?
    3) annullano l’europeo e il campionato si allunga a giugno?
    4) si giocano solo le partite di coppa a porte kiuse?
    capirete ke è un bel bordello e cmq bisognerebbe leggere il regolamento xvenirne a capo..

  17. inevitabile visto la continuità di prestazioni!
    fermo restando ke decide sempre il giocatore ke fare, il prox ds o lo stesso petraki se rimane, dovrà essere bravo a trovare eventualmente un altro stopper altrettanto forte..