Dzeko in cerca della prima rete allo Stadio Olimpico

di Francesco Gorzio Commenta

Gli ultimi due, pesantissimi a Frosinone, sono arrivati vicino casa ma non abbastanza per una corsa sotto la Sud.

Sfruttare il fattore trasferta per tornare a segnare all’Olimpico. Edin Dzeko sabato in quello che potrebbe essere il suo ultimo derby con la Lazio ha un’occasione unica per rompere un tabù che in campionato dura ormai dal 28 aprile scorso contro il Chievo. Da quel giorno ha messo a segno sette gol in serie A, tutti in trasferta. Gli ultimi due, pesantissimi a Frosinone, sono arrivati vicino casa ma non abbastanza per una corsa sotto la Sud. Quella che il bosniaco spera di fare sabato sera anche perché non segna contro la Lazio dalla sua prima stagione in giallorosso.

Nel 2015-2016, infatti, Edin ha segnato sia all’andata che al ritorno nelle due vittorie firmate Garcia e Spalletti. Poi è rimasto a secco sette volte tra campionato e coppa Italia anche se il suo bilancio resta più che positivo contro i biancocelesti: 6 derby vinti, 2 persi e 1 pareggiato. La gara con la Lazio arriva nel momento migliore di una stagione vissuta tra alti e bassi da Dzeko e che potrebbe concludersi con un divorzio visto che non è stato ancora fissato un appuntamento per il rinnovo. Il contratto del numero 9 scade, infatti, nel 2020 e in caso di mancato prolungamento sarebbe quindi costretto a fare le valigie già in estate e a tornare probabilmente in Premier dove lo cercano West Ham ed Everton e dove lo avrebbe riportato il Chelsea nel gennaio 2018 prima del no di Edin (e di sua moglie Amra). Chissà che una prova decisiva con la Lazio e col Porto in Champions il prossimo mercoledì non possa far cambiare idea a Baldini che lo portò alla Roma insieme a Sabatini nel 2015 per soli 21 milioni. Il nervosismo visto nelle ultime giornate è figlio anche di questa incertezza.

Il ritorno al gol all’Olimpico non è l’unico obiettivo di Dzeko a cui basta un gol per un altro record personale. L’ex City, infatti, è a quota 85 gol con la maglia giallorossa. Mai aveva fatto meglio in carriera con un altro club: 85 al Wolfsburg, 72 col Manchester, 17 col Teplice. In caso di doppietta, invece, il bosniaco aggancerebbe Balbo al settimo posto dei marcatori di tutti i tempi della storia della Roma. Intanto Dzeko si gode il riconoscimento dell’Uefa che ieri ha celebrato il suo ricco bottino in Champions League con un post sui social.

Se in Italia ha segnato a singhiozzo, infatti, in Europa Dzeko ha numeri da favola: 5 gol e 4 assist in cinque partite giocate. È ora di alzare la media pure in campionato, e sabato ad aiutarlo dovrebbero esserci El Shaarawy (ieri acclamato da 200 tifosi al Roma Store) e Zaniolo mentre Kluivert ieri è stato multato per una retromarcia vietata in via del Corso e ai tifosi incuriositi ha risposto così: «Spero di rifarmi con un gol nel derby».

(Leggo, F. Balzani)

Francesco Gorzio

Giornalista pubblicista, appassionato di sport e tecnologia. Amministra il blog d'informazione calcistica Forza-Roma.com.

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami