Gattuso in conferenza stampa prima di Roma-Milan

di Francesco Gorzio 1

Gennaro Gattuso ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Milan.

Gennaro Gattuso ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Milan. Ecco le dichiarazioni dell’allenatore rossonero:

Avversario ferito di qualità domani dunque?
Hanno vinto le ultime tre in casa, Di Francesco fa bene da tanti anni e dobbiamo stare attenti.

Nelle vostre teste è cambiato qualcosa in queste settimane?
Prima di Frosinone avevo detto alla squadra che dovevamo stare dove siamo ora fino alla primavera per giocarci tutto nelle ultime partite. Dobbiamo continuare così, con la voglia di lavorare e senza pensare ognuno al suo orticello.

Partita spartiacque?
Ora saranno tutte importante. Giocare contro la Roma non è mai facile.

Il Milan è più forte dopo il mercato?
Quando rientreranno tutti lo saremo, anche se sicuramente ci siamo rinforzati.

Piatek come va gestito?
In una squadra c’è un organizzazione di gioco ma il suo istinto va lasciato libero. Per tante altre cose, come il pressing, deve avere diverse informazioni, ma va lasciato libero nei movimenti.

Meno dubbi su di te ora. Senti che è la tua rivincita?
Tra 15 giorni siamo da capo. Anche Ancelotti per due partite lo hanno massacrato. Io penso a lavorare, se mi massacrano me lo faccio passare e penso a fare bene durante la settimana

Che cosa ti ha sorpreso di Piatek?
Già aveva fatto benissimo nelle prime giornate. Ma Paquetà mi ha sorpreso, è una spugna a livello tattico.

Questo Milan può fare a meno di Bakayoko?
Adesso no, se ci saranno i presupposti dovrà rimanere. Non tengo io la contabilità, ma spero possa diventare fondamentale negli anni per la società.

Non è arrivata un’ala…
Il mercato è fatto, non dobbiamo prendere tanto per farlo e abbiamo preferito stare così perché abbiamo fiducia nei nostri attaccanti esterni.

Che cosa ne pensi di Zaniolo?
Lo ammiro moltissimo. L’ho seguito lo scorso anno perché ho allenato quattro mesi in Primavera. Sta dimostrando grandissima qualità. È una fortuna per il calcio italiano, spero non si perda. Uno dei talenti più grandi del calcio italiano.

Com’è la situazione relativa alla preparazione?
Fisicamente stiamo bene. Tante volte l’entusiasmo ti porta a fare qualcosa in più, ma i test sono positivi. Ora la squadra è in un buon momento. Abbiamo sbagliato qualcosa ma tutto sommato stiamo molto bene.

Come far coesistere Piatek e Cutrone?
Dipende dalle caratteristiche e loro due secondo me possono giocare insieme. Bisogna vedere se giocare a tre a centrocampo o meno e se le mezzali riescono a coprire. In alternativa c’è il centrocampo a quattro. Devo vedere se le due punte sono funzionali a far rendere al meglio la squadra.

Come stiamo messiva musi lunghi? Come gestire i tanti che stanno bene?
È la parte più difficile, fare stare tutti sul pezzo. Bisogna contare fino a 10 e fargli capire le cose. Allenarli è facile, è più difficile le spiegare le situazioni quando vedi i musi lunghi.

La possibile coppia Vialli-Mancini in Nazionale?
Bellissimo. Gianluca ha passato un momento non positivo e ha dimostrato di essere un combattente. È bello che possano dare ancora qualcosa a questo mondo, loro che hanno dato tanto insieme alla Samp.

Lascia un commento

Commenti (1)

  1. Buona applicazione x quasi tutta la gara.. Abbiamo fatto bene anche se il Chievo è quasi morto
    Una cosa secondo me è importante.. Molti calciatori avrebbero aspettato maggiori momenti di esaltazione per ricomporre la frattura.
    Kolarov si è comportato da uomo.. Vero..