La Roma limita le perdite ma il debito aumenta

di Francesco Gorzio 80

A livello consolidato, i debiti finanziari netti hanno continuato a salire, da 192,5 a 218,8 milioni.

Meno perdite, ma più debiti. Neppure la stagione da favola che ha visto la cavalcata trionfale dell’As Roma fino a un passo dalla finale di Champions League ha portato al risanamento del bilancio del club presieduto da James Pallotta. I conti sono rimasti in rosso (con una perdita netta consolidata di 25,5 milioni di euro, diminuita rispetto ai 42,3 milioni della stagione precedente), ma nel primo bilancio dopo l’abbandono al calcio di Francesco Totti alcune criticità strutturali si sono accentuate. A livello consolidato, i debiti finanziari netti hanno continuato a salire, da 192,5 a 218,8 milioni. I debiti hanno quasi raggiunto il fatturato, nonostante questo sia aumentato di 75 milioni, toccando il record nella storia giallorossa, a quota 250,87 milioni (escluse le plusvalenze, conteggiate a parte).

L’altro fattore di debolezza nel progetto di bilancio al 30 giugno 2018, approvato dal consiglio di amministrazione, è il patrimonio netto consolidato, rimasto negativo e peggiorato, da -88,9 milioni del giugno 2017 a -105,4 milioni a giugno scorso. Questo vuol dire che il gruppo As Roma ha perso tutto il capitale, quest’indicatore è sottozero di 105 milioni. Pertanto la società avrebbe bisogno di una nuova ricapitalizzazione per poter essere tranquilla. Con la perdita dell’ultima stagione, le perdite accumulate dal gruppo As Roma negli ultimi tre bilanci salgono a 82,1 milioni. Il deficit era stato messo in conto dalla società. Ma neppure i maggiori ricavi derivanti dalla qualificazione alle semifinali della competizione europea hanno consentito ai conti della Magica di fare il miracolo.

I ricavi da diritti televisivi sono aumentati di 23 milioni a 128,56 milioni. I “ricavi da gare” sono aumentati da 35,25 a 77,22 milioni. In questa voce, secondo la relazione al bilancio, «sono contabilizzati 38,2 milioni di euro per participation e performance bonus relativi alla partecipazione e ai risultati sportivi conseguiti» (9,1 milioni nel 2017). In cassa sono stati contabilizzati anche i sei milioni versati da Qatar Airways come “bonus” anticipato per la firma del contratto di sponsorizzazione. Da questa stagione la compagnia di Doha verserà 11 milioni all’anno.

La Roma ha anticipato nel bilancio chiuso a giugno anche la plusvalenza di 31,9 milioni realizzata con la cessione di Nainggolan all’Inter. Il giocatore belga è stato ceduto a fine giugno, per 38 milioni. In totale nell’esercizio le plusvalenze nette da calciomercato sono arrivate a 54 milioni. Negli ultimi tre anni il club ha contabilizzato 225 milioni di plusvalenze nette. Il costo del personale è aumentato da 145 a 158,8 milioni, le spese per servizi sono salite da 42,46 a 47,38 milioni. Per ammortamenti e svalutazioni lieve aumento da 56,8 a 57,4 milioni. L’investimento in diritti dei calciatori è stato di 152,8 milioni, superiore ai 91,3 milioni dell’anno precedente. La Roma può iscrivere come risultato positivo l’approvazione ottenuta il 13 giugno dalla Uefa dei propri conti.

Per questa stagione il club ha ottenuto la licenza Uefa il 7 maggio dalla commissione di primo grado della Figc. In luglio – si legge nel bilancio – è stato «completato l’iter» per il rilascio della licenza nazionale e iscrizione al campionato di Serie A. Tuttavia nei conti c’è uno squilibrio patrimoniale e finanziario. I debiti finanziari netti derivano in larga parte dal finanziamento con l’operazione Goldman Sachs-UniCredit del 12 febbraio 2015. Il patrimonio netto consolidato è negativo malgrado in giugno si sia conclusa la ricapitalizzazione per 100 milioni. La Roma ha raccolto meno dei 115 milioni richiesti ai soci. Va detto che 90,5 milioni erano stati anticipati negli esercizi precedenti dall’azionista di maggioranza Pallotta. Pertanto il denaro fresco entrato nelle casse della società nell’ultimo esercizio è di soli 9,5 milioni. La Roma è stata iscritta al campionato perché la Figc non considera il bilancio consolidato, che dà la rappresentazione più completa dei conti, ma il bilancio di esercizio della sola Spa capogruppo. Lo stesso è stato fatto dalla Figc per altre squadre in una situazione simile, Inter e Milan, almeno fino all’anno scorso.

(Il Sole 24 Ore, G. Dragoni)

Lascia un commento

Commenti (80)

  1. m.dagospia.com/juve-l-affare-s-ingrossa-il-napolista-tira-fuori-le-intercettazioni-di-marotta-185497

  2. a gennaio suggestione Januzaj

  3. @@@@ Downunder
    Ricordo bene, sia Eder Militao che De Jong sono due miei vecchi pallini.
    Mi ero perso il precedente scambio tra te e Lory, ma concordo circa il fatto che anche Monchi, come tutti, commetta errori di valutazione.
    Ogni tanto però è lui a bruciare gli altri, come accaduto X Under e Kluivert ad esempio.

    1. Non puoi arrivare sempre primo sui talenti, secondo me comunque la mancanza di qualità a centrocampo che vede downunder io non la vedo.

  4. Un messaggio agli utenti del sito.
    Sono titolare del mercato mi abbonamento champions ma X impegni di lavoro dovrò saltare Roma-CSKA.
    Il singolo ingresso può esssere ceduto ad un altro possessore di Roma card privilege.
    Interessa a qualcuno?
    Si tratta di un posto in tribuna Tevere-parterre da cui si vede molto bene e cederei l’ingresso a prezzo di saldo direi X 50 euri.
    Qualcuno è interessato?

    1. *Volevo scrivere titolare di mini abbonamento champions …

    2. Non interessa a nessuno? 😳
      Meglio così Dero.
      Fai qualcosa, cancella impegni, datti malato, inventa una scusa e vai a vedere la partita.
      Ormai sei troppo importante come portafortuna.
      La Roma ha bisogno di te! 😂

    3. Io ad andare a vedere Roma CSKA ci sto a fare un pensiero ma non ho il mini abbonamento Champions :p

  5. @@@ Downunder
    Concordo sull’ottima partita della nazionale che mi ha ricordato tantissimo il miglior Napoli di Sarri.
    Credo che un bravo CT debba selezionare i migliori giocatori nazionali ed in base alle loro caratteristiche decidere come giocare.
    In nazionale, a differenza che nei club, non si può infatti andare sul mercato ad acquistare all’estero ciò che manca, sicché il CT deve avere maggiore adattabilità per far fruttare ciò che di buono c’è nel panorama nazionale.
    I nostri migliori centrocampisti sono Verratti e Giorginho, maestri nel fraseggio stretto e nella gestione del pallone, bravi a condurre il pressing, ma con qualche limite atletico.
    Giusto quindi farli giocare “alla Sarri”.
    In attacco l’italia ha ottimi esterni offensivi veloci e tecnici, come Chiesa, Insigne e Bernardeschi, mentre il reparto punte centrali è piuttosto mediocre, con un Belotti ancora in cerca della migliore condizione ed altri non più che discreti, tipo Immobile, Zaza, Lasagna etc..
    Giusto anche qui puntare su un attacco leggero alla Sarri, anziché sulla classica punta di peso.

    Questo però a mio avviso non vuol dire che la scelta di puntare su giocstori “fisicati”, chiaramente portata avanti da Monchi-Difra, non debba pagare.
    Ora che N’Zonzi è entrato in condizione è evidente l’apporto dato al nostro gioco ed all’equilibrio di squadra.
    Cristante nell’ultima partita giocata da titolare è stato tra i migliori in campo dei nostri, distinguendosi proprio nell’efficacia di contrasti e passaggi.
    Anche Lorenzo Pellegrini spostato un po’ più avanti sta mostrando le sue doti ed anche lui conta su un fisico prestante che lo aiuta nella difesa della palla tra le linee.
    L’anno scorso uscimmo in semifinale champions per diversi motivi, tra cui la prestazione all’andata di Salah, gli errori tattici commessi da Eusebio in quella partita e l’arbitraggio di Skomina all’olimpico.
    Però sia all’andata che al ritorno soffrimmo tantissimo la fisicità di Henderson che spadroneggiò a centrocampo. Chissà come sarebbe andata con Nzonzi a fronteggiarlo.
    Aggiungo un’ultima constatazione.
    Le statistiche dimostrano che nel calcio moderno I goal da palla ferma sono fondamentali.
    Anche ieri, nonostante le diverse occasioni avute, il gol è venuto da un’intelligente spiazzata di Lasagna su corner.
    La Roma quest’anno sui corner e sui cross da punizione fa paura.
    Questo a fine anno farà tutta la differenza del mondo.
    Parere personale, ovviamente.

    1. Ciao Dero.
      Concordo sul fatto che quest’anno grazie ai centimetri dei nostri e al piede di Pellegrini e si spera a breve di Pastore e Coric, potremo risultare letali nelle reti da palle inattive.

      Quanto agli altri discorsi io credo che noi pagammo la fisicità del Liverpool ma più che l’altezza o i muscoli, la loro velocità. Klopp ha costruito una squadra di centometristi.
      Kevin e Radja per quanto bravi in interdizione non sono dei fulmini di guerra.
      Il problema è che NZonzi e Cristante sono perfino più lenti di loro.
      Credo che come al solito, la cosa migliore sia un giusto mix di tecnica, velocità e fisico.
      Per me negli acquisti dei titolari a centrocampo manca velocità ed anche un po’ di qualità. Oltre al problema dell’età avanzata.

      1. Caro Downunder, Come forse ricordi il ritorno all’olimpico lo vidi dal vivo, poi di nuovo e con calma a casa, mentre la sfida col Liverpool la guardai e riguardai in registrata ( durante la diretta ero in volo).
        Beh, ti confermo la mia analisi circa il ruolo determinante di Henderson e della sua fisicità.
        Non ho guardato le statistiche della doppia sfida ma sono certo che il capitano dei reds fosse al primo posto X distacco quanto a contrasti vinto e palle recuperate.
        Kevin e Radja, come giustamente sottolinei tu due forti nei contrasti, non ne vinsero mezzo.
        Sono straconvunto che nel calcio moderno la fisicità sia sempre più determinante.
        Questo non vuol certo dire che si possa prescindere dalla tecnica, ma non mi sembriamo messi male neanche da questo punto di vista.

      2. Comunque DERO il discorso era iniziato con LORY su Barella e De Jong.
        Mi sembra che pure tu fossi un’estimatore dell’olandese in tempi non sospetti quando ancora le cifre dell’operazione erano alla nostra portata e si vociferava di un’interesse da parte di Ramon.
        Monchi mi sembra uno che aspetta troppo prima di affondare il colpo.
        E nel frattempo le situazioni cambiano, i giocatori aumentano di valore, qualcuno ci ripensa e va ad altre squadre (Malcom), qualcun altro sedotto ed abbandonato finisce per snobbarci (Ziyech).
        Oppure il nostro DS non riesce a vedere situazioni vantaggiose che paiono ovvie.
        Ti ricordi di Eder Militao? Il terzino/centrale del San Paolo?
        Non fosti tu ad augurarti uno scambio con Peres?
        Ebbene l’ha preso il Porto a fine mercato per 4 ml come sostituto di Marcano.
        Ora il 98’ brasiliano ha fatto l’esordio in nazionale maggiore ed è titolare nel Porto.
        Non oso immaginare quale sia ora la sua quotazione.
        Bianda sarà pure un fenomeno ma per ora rischia di costarci il triplo di Militao per giocare (pure male) in primavera.

  6. a posteriori è facile capirlo ma la cessione di Strootman è stata un colpaccio per Monchi.
    Sinceramente non avremmo più potuto rivenderlo a certe cifre, risparmiano fin da subito l’alto stipendio dell’Olandese.
    I risvolti negativi ci sono stati più nello spogliatoio, e solo di riflesso nei risultati in campo, nella crisi (si spera superata) di inizio stagione.
    Questo però doveva essere un problema da capire e risolvere dal mister e non dal DS, che ha venduto bene (e non ci capita spesso) un giocatore che oramai oscillava in prestazioni da 5 massimo 6 a partita.
    Adoro Strootman, ma anche per noi tifosi rimaneva più un legame affettivo legato al ricordo della “lavatrice” che ad un reale contributo alla causa.
    Difficilmente avrebbe fatto il titolare, anzi forse non avrebbe permesso l’integrazione di uno Nzonzi /Cristante ma questo non possiamo saperlo, di certo le ultime prestazioni dell’olandese ne facevano più un rincalzo d’emergenze che un veterano da salto di qualità.
    Con questo voglio però lasciare un in bocca al lupo a Kevin, che per tante vicessitudine è stato un giallo rosso doc ma ripeto, sarà anche facile capirlo a posteriori ma quando Monchi e la società fanno qualcosa di positivo è giusto sottolinearlo (anche e soprattutto gli ultimi giorni di mercato) nonostantre i malumori dell’ambiente romanista

  7. Bella prestazione della nazionale.
    Da tempo non vedevo una partita giocata così bene.
    Per chi magnifica la stazza da corazzieri dei nostri giocatori, oggi si è avuta la dimostrazione che la tecnica è ancora la cosa più importante.
    Verratti-Jorginho-Barella hanno nascosto la palla ai polacchi.
    Della serie diamo spazio a Coric.

    1. Eh come si magnifica il centrocampo “muscolare” senza il quale “non si può giocare” ddr ninja Kevin..
      Sempre preferito la tecnica ai muscoli.

      1. Mai parlato di centrocampo muscolare.
        Sempre parlato di giocatori bravi in fase di interdizione.
        Jorginho e Barella sono due maestri nel fare pressing e recuperare palla.

  8. down under 13 ottobre 2018 il 20:56

    @@@ LORY

    Io non sto mettendo in dubbio la superiorità della Juve. Solo un cieco non la vedrebbe.
    Ma contesto l’atteggiamento di chi dà questo campionato per chiuso.
    Non lo è per niente.
    Perché la Juve ha un solo obiettivo quest’anno: la CHAMPIONS.
    Questo significa che con l’anno nuovo in campionato giocheranno le sue seconde linee che sono sempre fortissime ma non imbattibili.
    La Juve del girone di ritorno sarà una squadra diversa.
    La squadra che dovesse riuscire a rimanere agganciata ai gobbi a marzo ha buone chance di vincere lo scudo.

    Quanto al quadro roseo che tu dipingi io non so che dirti. Contento te che ti senti confortato dalle statistiche.
    Io penso che noi avremo dovuto avere molti più punti.
    Sulla carta avremo dovuto fare bottino pieno con le ultime 5, vittoria col Toro e pareggi con Lazio e Milan.
    20 punti, a -4 dalla Juve era la posizione più consona, una posizione che lasciava aperta ogni possibilità.
    Ovvio che se il genio spagnolo mi smonta un centrocampo a campionato iniziato e fa un neuro-mercato è già tanto essere nella parte sinistra della classifica.
    Sto guardando Olanda-Germania.
    Che giocatore De Jong!!!
    Se Monchi invece di spendere in giocatori forti ma geriatrici (NZonzi e Pastore) o meteore come Cristante, avesse preso DeJong e Barella come mi auguravo sin dalla scorsa primavera, ora avremo una centrocampo fantastico.

    _______________________________________________________________________________________________

    ASP!!!

    Il grande obbiettivo della juve è vero essere la champions, ma non ha SOLO un obbiettivo… l’obbiettivo della juve è VINCERE TUTTO.

    La roma come qualsiasi squadra di serie A che ha ambizione, proverà fino alla fine a vincere e a portare a casa il tricolore, ma convieni con me che se questi l vincono tutte, diventa difficile, se non impossibile, perche il trend è questo.

    Io non sono confortato, ma speranzoso, perche il gioco e l’unione viste in queste ultime 5-6 partite mi fa pensare che il meglio deve ancora venire.

    Sul fatto che oggi meritavamo piu punti è verissimo, ma sappiamo il perche non sono venuti e NON VENITEMI A DIRE che è colpa del mercato, perche è la scusa che si da in pasto alla gente… COme è possibile che 3 giorni dopo la disfatta di bologna ( mi pare fosse bologna ) questa squadra è mutata? che è successo in quei 3 giorni di ritiro? IL MERCATO NON CENTRA NULLA, fidati down, perche quello che si è visto dopo quei 3 giorni di ritiro mi fa pensare che sono volate sedie e tavoli e che magari la società si è fatta sentire col mister di cambiare qualcosa e di essere piu deciso nelle scelte e non cambiare 4-5 moduli a partita inclusi uomini.

    “Ovvio che se il genio spagnolo mi smonta un centrocampo a campionato iniziato e fa un neuro-mercato è già tanto essere nella parte sinistra della classifica.”

    neuro-mercato? è gia tanto essere nella partie sx della serie A? siamo a 4 punti dal secondo posto e 1-2 dal quarto… mi tratti nzonzi, pastore e cristante come scemi…

    Smontato il centrocampo? scusa se lo dico in toni forti, ma aver venduto quel pippone di strootman ( a volte mi escono ) è un male? uno che fa perde contrasti, non corre, giocatore pressoche inutile in fase offensiva e difensiva… ma per piacere… MENOMALE aggiungo… fuori anche dai titolari della nazionali, contestato a marsiglia, ma di cosa stiamo parlando? Radja che ad oggi fa 1 goal e 0 assist, fornendo prestazioni piu che discutibili… radja mi dispiace averlo venduto come personaggi, strootman come professionalità ( ci fai poco se poi sei scarso ) e unico giocatore che mi dispiace in tutto è allison, stop. SECONDO TE DOPO TORINO è colpa del mercato se hai perso punti? veramente credi questo?

    E ancora… per de jong e barella ti partivano 100mln tondi, cash nella valigetta, non dilazionati come per cristante… pastore 25 e nzonzi idem… dai down, non è football manager questo, lo sai meglio di me, che in estate per barella sono stati rifiutati 40mln tondi e che per de jong si parla di una valutazione che sfonda i 50mln.

    “avesse preso DeJong e Barella come mi auguravo sin dalla scorsa primavera, ora avremo una centrocampo fantastico.”

    venduti radja e strootman, te ti presentavi con de jong, barella, coric, pellegrini, che fanno 21 anni in 4 con il solo ddr? sarebbe stata pazzia pura, fidati… ci si sarebbe lamentati che non avresti avuto gente d’esperienza in panca ma solo bambini…

    MEGLIO MILLE VOLTE COSI… poi son gusti, per carità.

    Poi down io sarò troppo ottimista, ma te sei troppo negativo.

    PS: ma se il 4-2-3-1 fosse stato usato da inzio stagione sicuro che non stavamo secondi sopra il napoli? perche mi sembra abbastanza strano che dopo i 3 giorni di ritiro si ritorna ad un modulo che il mister non concepiva, abbandonato dopo il risultato riacciuffato a bergamo contro l’atalanta ( abbandonato non si sa il perche ) e oggi quasi diventato un mantra, dove addirittura il mister lo sposa in pieno… mi sembra ancor piu chiaro che, come detto in precedenza, giocatori e dirigenza gli hanno detto che stava sbagliando e il 4-2-3-1 era la via giusta.

    1. Non penso di andare troppo lontano dalla realtà quando affermo che il mercato fatto da Monchi ha mandato in confusione la squadra ed il tecnico.
      Eviterò di elencare cose che ho già scritto decine di volte e che mi annoia ripetere.
      Anche perché poi arriva Erminio e giustamente si incazza perché ripeto la solita solfa.
      Però su alcuni punti devo replicare.
      Strootman pippone non si può ascoltare.
      Un signor giocatore superiore a Cristante in tutto. E tra lui e NZonzi non vedo poi grandi differenze.
      Sul costo di Barella e il rifiuto a 40 ml dove l’hai letto?
      Sono state rifiutate proposte ma perché inadeguate (compreso il prestito proposto dall’Inter).
      A giugno per 30-35 bonus compresi te lo impacchettavano.
      Ora per meno di 40 non se ne parla e forse te ne chiedono anche di più.
      Per De Jong invece la richiesta era da subito alta ed il Barca non aveva offerto molto e così è rimasto all’Ajax. Ma per meno di 50, bonus compresi lo portavi a casa. Stesso prezzo di De Ligt.
      Ora per entrambi non ne bastano 75.

      1. No non mi incazzo tranquillo😂. Per me è presto sia per dire ciò che scrivi tu under, che per scrivere ciò che scrive lorysan. Sono fiducioso, ma è ancora presto per esprimere giudizi. Sull’inizio di stagione, che dire, può essere stato dovuto ad un mix delle cose che entrambi avete detto. Gente nuova, allenatore in confusione, unitamente. Ma secondo me la fetta più grossa delle colpe la hanno i giocatori, mentalmente e fisicamente non si sono fatti trovare pronti all’inizio del campionato. In tre giorni di ritiro, può essere cambiata solo una cosa, l’atteggiamento.

  9. Comunque prima di provare a prendere Tonali io proverei Coric dietro in mediana.
    Se dovesse fare bene avremo fatto bingo.

  10. Ci avete fatto caso che se scrivete Roma calciomercato in un motore di ricerca escono sempre tra le prime notizie quelle di siti laziesi, tipo città celeste?
    Siamo talmente il loro chiodo fisso che prima ancora di guardare a chi vende e chi compra Tare la loro priorità è quello che fa Monchi.
    Un vita di riflesso. Che cosa brutta essere quaglie…

    1. a me vengono calciomercato, forzaroma.info, romanews, giallorossi.net

      1. Allora deve essere colpa di Safari.
        Io scrivo la stessa cosa sull’ipad e la prima notizia è di cittaceleste….

      2. ahahaha… laziesi maledetti

    2. Confermo, 4 delle prime 5 notizie sono di città celeste.
      Mentre se si digita “Lazio calciomercato” non appare nessun sito vicino all’AsRoma.
      Mah!

  11. mi sta sul cazzo la nazionale inutile di giocatori pipponi
    mi sta sul cazzo la pausa, le chiacchiere dei giornali, Asia Argento..
    ma peggio di tutti i laziesi

  12. @@@ la juve non parte mai per un obbiettivo.
    Partono per gli obbiettivi.

    Hanno vinto le ultime tre C.I.
    Non tralasciano niente al contrario di altri.

    Vogliono vincere e basta, cosa non importa.
    Questione di mentalità.

    Vincere aiuta a vincere.
    La loro ossessione è la C.L., ma non per questo abbandonano altri piatti.

    In Italia politicamente ed economicamente,
    la fanno da padroni da cento anni.

    Contrastate solo da milan ed inter.

    Le milanesi sono in crisi da anni, ma nessuno è stato in grado di sostituirle.

    Dopo la Roma, da 16 anni nessuno ha più vinto uno scudetto da lontano da torino e milano…

  13. @@@ DDR su Tonali la Roma si è già mossa.
    Moonchi ha offerto 12 ml rifiutati da Cellino.
    Ci sono altre squadre.
    Questo è quanto filtra.
    Aspetta l’asta.

    De Ligt scordatelo.

  14. Buongiorno a tutti.
    Che palle le nazionali.
    Pare che i dirigenti siano a Boston a discutere le prossime strategie di mercato.
    Si fanno i nomi di due giovanissimi talenti cristallini: Tonali e De Ligt.
    Il primo mi sembra verosimile, nonché ideale come successore di DDR ed in effetti pare che siano già in corso trattative.
    Al secondo credo poco perché mi sembra il classico prospetto top assoluto nel ruolo destinato a qualche big, come fu x Varane a Real.
    Credo che oggetto delle discussioni siano anche alcuni rinnovi o possibili cessioni.
    El Sha e JJesus hanno il contratto in scadenza 2020 e se non rinnovano a breve entrano automaticamente nella lista dei possibili partenti.
    Karsdorp pure sembra destinato ad andarsene, anche perché Santon è stato ormai promosso come vice Flore, tra l’altro utilizzabile all’occorrenza anche a sx.

  15. @@@ LORY

    Io non sto mettendo in dubbio la superiorità della Juve. Solo un cieco non la vedrebbe.
    Ma contesto l’atteggiamento di chi dà questo campionato per chiuso.
    Non lo è per niente.
    Perché la Juve ha un solo obiettivo quest’anno: la CHAMPIONS.
    Questo significa che con l’anno nuovo in campionato giocheranno le sue seconde linee che sono sempre fortissime ma non imbattibili.
    La Juve del girone di ritorno sarà una squadra diversa.
    La squadra che dovesse riuscire a rimanere agganciata ai gobbi a marzo ha buone chance di vincere lo scudo.

    Quanto al quadro roseo che tu dipingi io non so che dirti. Contento te che ti senti confortato dalle statistiche.
    Io penso che noi avremo dovuto avere molti più punti.
    Sulla carta avremo dovuto fare bottino pieno con le ultime 5, vittoria col Toro e pareggi con Lazio e Milan.
    20 punti, a -4 dalla Juve era la posizione più consona, una posizione che lasciava aperta ogni possibilità.
    Ovvio che se il genio spagnolo mi smonta un centrocampo a campionato iniziato e fa un neuro-mercato è già tanto essere nella parte sinistra della classifica.
    Sto guardando Olanda-Germania.
    Che giocatore De Jong!!!
    Se Monchi invece di spendere in giocatori forti ma geriatrici (NZonzi e Pastore) o meteore come Cristante, avesse preso DeJong e Barella come mi auguravo sin dalla scorsa primavera, ora avremo una centrocampo fantastico.

  16. @@@ faccio mea culpa lumiroma.

    Schick me l’ero proprio dimenticato.
    Un altro che dovrebbe giocare con più continuità.

    Si deve sbloccare di testa e credo che sia il classico giocatore che ha bisogno di sentire fiducia intorno a se.

    Tecnicamente non gli si può dir nulla.
    Se sbaglia è perché non si sente sicuro.

    Ogni volta che gioca è come se debba sostenere un esame e in queste condizioni non è facile esprimersi al meglio.

    La lista dei giovani aumenta…

    Un 👋 saluto

  17. down under 13 ottobre 2018 il 15:13

    Goal fatti, goal subiti, assist, punti realizzati, reti dei centrocampisti ……. crogiolati pure in queste statistiche, ma la realtà caro Lory purtroppo è un’altra.
    Hai dato un’occhiata alla classifica?
    Tu lo sai che siamo a 10 punti dalla prima dopo 8 giornate ed abbiamo già incontrato le peggiori 5 del campionato?
    Dalle mie parti si dice: “vonde monadis!”

    ________________________________________________________________________________________

    mi fa specie caro down che usi questo metro di pensiero… QUando parlo di numeri e di statistiche, parlo ovviamente della nota dolente dello scorso anno, cioè la fase offensiva dove siamo notevolmente migliorati. Della fase difensiva parlo in termini uguali allo scorso anno, dopo 5 partite di assestamento di franceschiano, perch emi sembra assai chiaro un cambio di rotta dovuto al modulo cambiato:”il modilo non conta in molti dicono”, ma la realtà è sotto gli occhi di tutti ( unita ad una fase fisica anch’essa migliorata ).

    Quando parli di classifica dovresti considerare un DATO: siamo a 4 punti dalla seconda in classifica, ergo se tu dovessi vincere contro la Spal ti potresti trovare sul podio alla nona giornata.

    Mi sembra che stai indubbiamente facendo il campionato dello scorso con la sola differenza che hai MAGGIORI margini di crescita.

    Quando dici che siamo a 10 punti dalla prima, ti voglio porgere una domanda: “tu credevi veramente allo scudetto”, una squadra che puo permettersi cr7 pagandolo 30mln l’anno, mi sembra una banalità dire che se dovessero vincere lo scudetto hanno solo fatto il loro e quelle dietro anche il loro.

    Io da inizio anno ho sempre detto che con cr7 la juve avrebbe gia alzato la coppa ad inzio stagione e cosi è, perche le vinceranno tutte se qualcuna, magari contro di noi. Per vincere la serie A devi vincere 35 partite, cosa impossibile per qualsiasi realtà sportiva calcistica ( meno la juve ovvio, che in serie A spadroneggia ).

    incontrato le peggiori 5 del campionato? non fa differenza, quando vinci l’importante è farlo e vedere come si fa e in queste ultime uscite ( a parte empoli ) hai convinto e distrutto il tuo avversario, idem in champions, dove ricordo:”NON è MAI FACILE VINCERE 5-0 IN EUROPA”.

    Oggi hai fatto 16 goal ( 2 meno della juve e secondo attacco del campionato ) e subito 10 goal ( sarebbero stati di meno se da subito si fosse inquadrato il modulo e come far giocare questa squadra in quanto solo 1 goal hai subito, regalato, in queste ultime 5-6 partite ), e ciò mostra un miglioramento sempre costante.

    TI FACCIO UN ESEMPIO: Il napoli ha fatto 15 goal e 10 subiti, ma loro hanno subito goal nell’arco di piu partite, non tutti all’inizio e ciò denota un sistema difensivo che ha scricchiolii che si protraggono nel tempo, invece noi questi difetti li abbiamo ( spero ) sistemati e infatti stiamo subendo molto di meno dell eprime uscite. Il napoli che ha tutti meno jorginho, ma come numeri goal fatti e subiti siamo melgio di loro ( di un goal fatto) ma hanno purtroppo 4 punti in piu di noi.

    VISTO CHE SIAMO A 4 PUNTI DALLA SECONDA ( forse sono un perdente ma allo scudetto non ci credo, anche se avessimo avuto salah, pjanic e friends ), io tutta questa negatività sul gruppo ( nuovo ) di oggi non la ho.

    ANZI!!

    1. Concludo col dire che io in campionato, punto al podio ( secondo posto, tanto per far vedere che sei meglio di napoli e inter ), cioè all achampions e poi le coppe le gioco con il coltello fra i denti, perche io la coppa italia la voglio vincere e la champions voglio prenderla, questo voglio.

  18. @@@
    Zaniolo
    Cristante
    Pellegrini
    Kluivert
    Saranno da valutare a fine stagione, con la speranza che possano giocare con una certa Frequenza, per valutarne il reale valore.

    Under
    Oramai una certezza, ma non dimentichiamoci a che non è stato subito spedito in campo.
    Difra lo ha fatto quando ha ritenuto che fosse pronto.

    Coric
    Non si sa nulla, non si possono esprimere giudizi su di lui.
    O sta facendo lo stesso percorso di Under o si parla di un prestito a gennaio.
    L’unica notizia trapelata, è che Eusebio lo considera leggerino.
    Forse stanno lavorando dal punto di vista atletico e fisico.

    Comunque sia, stiamo parlando di giovani e questo è già un fatto positivo.

    1. *** oltre a Lorenzo Pellegrini
      Dimenticavo Luca, che è sotto le sapienti mani di Kolarov.
      Da uno così non si può che imparare il meglio
      Anche se di per se ha già fatto vedere che la stoffa ce l’ha ***

      1. Vatti a vedere il movimento di schick che fa sul gol di oggi in nazionale
        Ha attaccato l area facendo una ottima lettura del cross da giocatore importante. Forza nel colpo di testa che Dzeko si sogna
        Facciamolo giocare punta sto ragazzo e lavorare da prima punta durante la settimana perché in tecnica non è secondo a nessuno. Diamogliela sta fiducia già da sabato prossimo

      2. caro lumiroma, in precampionato shick ha impressionato da punta infatti.

  19. down under 13 ottobre 2018 il 10:48

    Questo è il punto.
    Si voleva ridurre il monte ingaggi?
    Fallimento, il monte ingaggi è aumentato se non erro di 7-8 ml.
    Si voleva svecchiare la rosa?
    Fallimento, a causa degli acquisti di Mirante, Marcano, Pastore e Nzonzi l’età media della squadra è calata di meno di un’anno.
    Personalmente se la politica societaria fosse stata quella di ridurre gli ingaggi e svecchiare la rosa io avrei accettato di buon grado.
    Anche se questo avesse comportato un nostro ridimensionamento.
    Per avere una società sana e virtuosa, avrei compreso ed anzi sostenuto una scelta simile.
    La cosa che mi fa agitare invece è che non essendoci queste necessità si è speso, anche tanto, male, ceduto peggio, per avere alla fine una squadra che negli 11 è più debole di quella dell’anno scorso, pur avendo nei giovani la possibilità, non nell’immediato, di fare un salto di qualità.

    ______________________________________________________________________________________________

    Down dove hai queste certezze? tu lo sai che il centrocampo della roma, oggi, ha fatto 5 goal e 4 assist? cioè ad inizio stagione ha gia fatto meglio di quello dello scorso anno?

    Tu lo sai che per quanto riguarda i goal fatti siamo gia migliorati rispetto allo scorso anno se paragonati gli inizi di stagione?

    Per goal subiti questa squadra è a 1 goal regalato nelle ultime 5-6 gare stagionali ( le ultime ).

    Per punti fatti, siamo come lo scorso anno, QUINDI COME FAI A DIRE CHE SIAMO PEGGIORATI?

    Ma perche vederla, poi, cosi complicata? Semplicemente se ti offrono 70mln per un portiere, tu nn sei il real madrid che puo rifiutare… se allison ha deciso di andare al livepool perche guadagnava di piu, circa 6.5mln netti l’anno, cosa ci devi fare?

    Uno strootman contestato a marsiglia, venduto a quansi 30mln, ti sarebbe servito a roma? io continuo a dire che strootman andava da vendere, prima o dopo nn mi faceva differenza.

    Radja mi è dispiaciuto, ma sono scelte interne con motivazioni a noi sconosciute.

    Se vendi radja e compri pastore, vendi strootman e compri nzonzi ( questi sono stati i cambi NEI RUOLI piu o meno se consideriamo il 4-2-3-1 ) la società non vuole spendere di meno di ingaggi, ma vuole rimanere competitiva, torto o ragione, è cosi.

    DOVRESTI ESSER FELICE di avere una società che spende, poi male lo dici te, perche santon ( ammetto che nn ci avrei speso neanche un euro ma era giusto che il campo fosse giudice ) , per dire, oggi è un valore aggiunto, perche zaniolo si sta rivelando almeno per me una sorpresa per coraggio e carattere, idem OLSEN contestato e chiamato pippone gia prima di scendere dall’aereo, si sta dimostrando un portiere buono e FORTUNATO.

    DOBBIAMO CAPIRE che strootman è stato un peso per la roma, perche averlo valutato 28mln è una follia, considerando una stagione con 1 goal e 1 assist… perche radja oggi ti ha fatto 1 goal con rendimento altalenante senza mai brillare…

    Giu sto allison sta confermando le attese, ma per come la vedo io, neanche quest’anno vincerà nulla.

    ASPETTIAMO PRIMA DI DIRE CHE SIAMO PIU DEBOLI DELLO SCORSO ANNO, perche ad oggi male che vada sei come lo scorso anno ( per me siamo piu forti perche facciamo calcio a differenza dello scorso anno ).

    1. Goal fatti, goal subiti, assist, punti realizzati, reti dei centrocampisti ……. crogiolati pure in queste statistiche, ma la realtà caro Lory purtroppo è un’altra.
      Hai dato un’occhiata alla classifica?
      Tu lo sai che siamo a 10 punti dalla prima dopo 8 giornate ed abbiamo già incontrato le peggiori 5 del campionato?
      Dalle mie parti si dice: “vonde monadis!”

  20. Per me nzonzi può fare meglio di strootman, e visto l’ultimo strootman non ci vuole neanche tanto, così come Pellegrini può fare meglio dell’ultimo naingollan. Olsen non sarà allison ma è un buon portiere. Questi i cambi rispetto allo scorso anno. Con giocatori come pastore, cristante, kluivert e marcano che potrebbero anche entrare negli undici prima o dopo.

    1. Che NZonzi possa fare meglio di Kevin ci può stare tenuto conto del curriculum del francese anche se è tutto ancora da dimostrare.
      Ma perché farlo?
      Gli paghi circa lo stesso stipendio, lo paghi di più e prendi un giocatore più vecchio.
      Non vedo la logica. Boh!
      Non aveva più senso tenersi Kevin?

      Vendi Radja e prendi Pastore: il confronto è tra loro due non con Pellegrini che c’era già l’anno scorso.
      Come età siamo lì, come ingaggio risparmi un’inezia, hai realizzato un po’ di più con la cessione del belga (giustamente visto che tra i due Radja è il più forte) ma le certezze che ti dava Naingollan non può dartele un giocatore che negli ultimi anni non è stato protagonista nel PSG e al contrario del Ninja che non saltava una partita, l’argentino è un’assiduo ospite dell’infermeria.
      Anche qui non si vede il vantaggio dell’operazione. Ariboh!

      Alisson l’anno scorso è stato l’assoluto protagonista della nostra cavalcata in CL ed artefice del raggiungimento del 3 posto.
      Ha portato in dote minimo 10 punti che il pur bravo Olsen non potrà mai eguagliare.

      Rimango convinto che l’unico valore aggiunto del mercato di Monchi siano i giovani come Kluivert, Zaniolo, Coric e si spera Bianda.
      Ma forse non in questa stagione.
      Su Cristante invece non ho particolari aspettative, ma qui spero di sbagliarmi.

  21. Io questa certezza di essere peggiorati negli 11 continuo a non averla. E non capisco come si possa avercela ad ottobre.

  22. Quest’anno non si doveva rivoluzionare nulla.
    Non avevamo necessità di vendere.
    Bastava puntellare.
    Ripartire da zero è stata una scelta di Monchi non una necessità.
    Marotta per me avrebbe fatto un mercato molto diverso.

    1. Su questo non ci metterei la mano sul fuoco, magari hai ragione o magari sono arrivate delle direttive societarie per le quali bisognava abbassare il monte ingaggi e svecchiare la rosa per garantire nuove future plusvalenze.

      1. Questo è il punto.
        Si voleva ridurre il monte ingaggi?
        Fallimento, il monte ingaggi è aumentato se non erro di 7-8 ml.
        Si voleva svecchiare la rosa?
        Fallimento, a causa degli acquisti di Mirante, Marcano, Pastore e Nzonzi l’età media della squadra è calata di meno di un’anno.
        Personalmente se la politica societaria fosse stata quella di ridurre gli ingaggi e svecchiare la rosa io avrei accettato di buon grado.
        Anche se questo avesse comportato un nostro ridimensionamento.
        Per avere una società sana e virtuosa, avrei compreso ed anzi sostenuto una scelta simile.
        La cosa che mi fa agitare invece è che non essendoci queste necessità si è speso, anche tanto, male, ceduto peggio, per avere alla fine una squadra che negli 11 è più debole di quella dell’anno scorso, pur avendo nei giovani la possibilità, non nell’immediato, di fare un salto di qualità.

  23. Non mi vergogno a dire che vorrei ora Marotta alla Roma.
    Persona estremamente competente e perfetto nel caso Monchi lasciasse.
    Gli farei ponti d’oro.
    Si parla di lui come possibile DG dell’Inter.
    Spero di no altrimenti sarebbe durissima contrastare i nerazzurri.
    Marotta e Massara sarebbero una bella coppia.
    Massara è quello che ha segnalato Under e Soyuncu a Monchi.

    1. Io non credo che Marotta abbia avuto un ruolo determinante nei successi della Juve.

      La loro ricetta è sempre stata comprare campioni, instillare una mentalità vincente nella squadra, essere favoriti dagli arbitri. Vincono da cento anni e continueranno a vincere con o senza Marotta che comunque non ha lo stesso ruolo di Monchi che è un d.s.

      1. Per integrare il discorso, credo che in una società come la nostra dove ogni anno cedi l’ossatura e paradossalmente potresti ritrovarti a partire da 0, sono sicuro che pure lui rischierebbe di fare disastri. Un conto è lavorare con una società ricca e solida come la Juve, un altro in società che si autofinanziamento, molto più difficile.

      2. In realtà io parlavo di coppia Marotta-Massara.
        È vero che la Juve vince e vincerà a prescindere da Marotta ma bisogna riconoscere che negli ultimi 6-7 anni la Juve ha sbagliato pochissimo.
        E in questo Marotta ha grandi meriti.

    2. down chi fa mercato è paratici nella yuve, marotta è un contabile del mercato, ma chi è il vero scout è il primo.

      1. Come ho scritto sopra, parlavo di coppia Marotta – Massara.
        Puoi avere quanti scout vuoi ma poi ci vuole qualcuno che sappia capire dove indirizzare le risorse e quali strategie adottare.

      2. L’unica cosa che imiterei al metodo di lavoro Juve, è che il mercato lo decide la società, non il d.s

  24. @@@ vedi under quello che frega il tifoso Romanista, sono le aspettative.

    Al contrario degli sbiaditi, noi dobbiamo sempre spaccare il mondo.

    Loro sono consci della loro dimensione e più di tanto non chiedono.

    Per la Roma è diverso.
    Sarà per il nome che porta, che ha una cassa di risonanza come pochi al mondo,
    si pretende un qualcosa che forse non è in grado di dare.

    Sempre sotto i riflettori, seguita anche da chi non la tifa e fino a qualche anno fa anche i non Romanisti volevano e seguivano le gesta di Totti.

    Odiato, ma tutti avevano il desiderio di vederlo nella propria squadra.

    I media, che hanno contribuito non poco a caricare l’ambiente facendo credere al tifoso che la Roma fosse una grande squadra che doveva ambire a traguardi importanti.

    La nascita della rivalità con la juve.
    Ma tranne rari casi c’è stato sempre un abisso tra noi e loro.
    In tutto.

    Quando il Tifoso si renderà conto che le grandi squadre sono altre e che noi siamo da seconda fascia, ritroverà l’umiltà necessaria per accettare con più serenità quello che viene.

    Una squdra che non ha vinto quasi nulla in Italia
    Inesistente in Europa
    A mio modo di vedere non può essere messa tra le grandi.

    La si Tifa questo sì, con tutta la Passione e l’Amore che uno prova verso questi
    Colori.

    Sia ben chiaro, vorrei vincere anch’io.
    Posso solo sperare che quel giorno arrivi presto.
    Un 👋 saluto

    FORZA ROMA SEMPRE!

    1. Vedi AVE, io in questo mi sento molto “PALLOTTIANO”, cioè nell’ambizione di diventare grandi.
      Io non mi rassegno ad una dimensione subalterna solo perché è sempre stato così.
      Le cose possono cambiare.
      Una Roma piccola non è un dogma.
      Pallotta in tempi non sospetti ha avuto l’idea di costruire una cittadella della Roma con tanto di stadio, centro sportivo ed attività collegate.
      Non esiste un solo motivo ostativo per il quale l’ASROMA non possa diventare una delle big europee.
      Questo se tutte le cose vengono fatte per bene.
      Club senza storia come Chelsea, PSG, City ora siedono tra le grandi d’Europa e questo solo perché sono riuscite a “crescere” in epoca di assenza di FPF grazie a capitali ingenti dei loro proprietari.
      La Roma che rappresenta una città che ha fatto la storia dell’Europa e del mondo ha credenziali altissime per occupare un posto assieme a loro.
      Se pensi che la squadra più forte d’Italia è di una città importante ma tutto sommato marginale come Torino ……
      Il problema è che per raggiungere lo scopo tutto deve andare per il verso giusto.
      1) lo stadio deve partire
      2) la società deve raggiungere un posto in CL
      3) il DS non deve sbagliare una mossa
      4) il merchandising e gli sponsor devono essere una voce non marginale delle entrate

      Il punto 1 è stato sinora boicottato da situazioni locali e dalla mala politica.
      Il punto 2 è stato quasi sempre conseguito.
      Il punto 3 per me è ora una nota dolente ed è motivo di grande delusione perché era difficile fare peggio. A causa di 3 sessioni di mercato insufficienti , abbiamo subito il sorpasso del Napoli, quello dell’Inter ed ora incalza pure il Milan.
      Il punto 4 invece è una una voce in crescita.

  25. @@@ questo è per la speranza e la gioia di under 😊🤤✌😄

    *** PSG, nuovo ds: anche Monchi tra i candidati 😎

    1. Ciao AVE 😄
      Come già affermato altre volte su Monchi ho un mix feeling.
      A parte tutte le critiche fatte a pelle la persona mi piace.
      Ha anche una faccia simpatica.
      Chissà magari un giorno mi farà ricredere …..

  26. O.T. ritorno sul discorso dei giovani italiani, affrontato giorni fa.

    Non è facile prenderli, anche perchè nonostante siano ancora sconosciuti al grande calcio, le loro società sparano cifre assurdee sperano nelle classiche “aste”

    ***Calciomercato Roma: prima offerta per Tonali, ma non basta.
    I giallorossi puntano Sandro Tonali, giovane regista del Brescia e dell’Italia under 20. L’interesse di Monchi per il promettente centrocampista delle rondinelle non è una novità.

    Stando a quanto riferisce il portale “Tuttomercatoweb.com”, il club giallorosso ha presentato al club di Cellino una prima offerta per assicurarsi il regista che somiglia a Pirlo: 12 milioni di euro la proposta della Roma, rispedita però al mittente dal Brescia.

    Anche il Monaco sta spingendo per avere il giovane azzurro, oltre al Milan e alla Juventus. Il Brescia spera di alzare il più possibile il prezzo del calciatore, che non verrà ceduto prima della prossima estate. La Roma resta comunque forte sul ragazzo, considerandolo un prospetto molto interessante. ***

  27. Il Siviglia orfano di Monchi vola in testa alla Liga.
    Ora verrebbe facile la battuta che senzua Monchi finalmente gli spagnoli riescono ad essere competitivi in campionato.
    Ma in realtà quella squadra è per buona parte stata costruita da Monchi.
    Riportavo la notizia perché adesso dubito che il Siviglia si voglia riprendere Monchi.
    Mi sa che ci resta sul groppone.
    Prima affrontavo le sessioni di
    Mercato con speranza per capire quale colpo avrebbe fatto il fumante.
    Ora invece prevale in me il terrore 😬

  28. Io di sto Paqueta non ne ho mai sentito parlare e di trequartisti giovani ne abbiamo gia 3, Zaniolo, Coric e Pellegrini. Aggiungici il costo di 35 mln e mi sembra solo che giusto non averlo preso.

    1. e sembra che causa solito giochetto delle quote del cartellino ripartite tra fondi club e procuratori a 35Ml il Milan abbia preso il 70% del cartellino

  29. “2,94 anni. Questa è la durata media di un calciatore nella Roma, come stabilito dal Cies, l’osservatorio sul calcio. I giallorossi occupano la 13a posizione in Europa, parimerito col Psg, ma sono la seconda squadra italiana in graduatoria, dietro solo al Napoli, 9° in classifica con una permanenza media di 3,43 anni. Al primo posto c’è il Real Madrid (5,84), seguito dal Barcellona. Peggiore della classifica è il Parma con 0,65.”

    Che dire, altre leggende metropolitane sbugiardate.

    1. Ni.
      Classifica che lascia il tempo che trova, il problema non é tanto dopo quanto vengono ceduti i giocatori ma chi viene ceduto e come questo viene rimpiazzato. Anche se secondo me fino ad ora i sostituti dei tre big che ci hanno salutato stanno facendo tutti bene (Olsen, Cristante, Nzonzi e quando ha giocato pure Pastore ha fatto molto bene) quindi io non vedo un problema enorme.

      1. No vabbe mi riferivo ovviamente alla diceria secondo la quale a Roma, e solo a Roma, i giocatori si sentano di passaggio, perché facciamo troppi muovimenti sul mercato. Beh con questa classifica si può capire facilmente come questa sia una cosa che riguarda tutto il calcio moderno e, nel particolare, in Italia siamo solo dietro al Napoli come durata media nel club dei giocatori.

  30. *** POSTO IL PRIMO ARTICOLO, PER PARLARE ANCHE DI CALCIO ***

    @@@ La Roma riparte dalla difesa ma i tiri subiti rimangono numerosi

    @@@ In serie A, Manolas e compagni sono ultimi nella speciale statistica dei tiri subiti considerando la lotta Champions League.

    @@@ La ripartenza della Roma in campionato, passa per una difesa ritrovata. O quasi. Perché siamo ancora lontani dalla squadra che nella passata stagione seppe inanellare 18 cleen-sheet in campionato e 5 in Champions. Eppure il trend nelle ultime gare lascia ben sperare. I giallorossi sono passati dal subire due gol a partita (12 nelle prime sei uscite stagionali) ad uno nelle ultime quattro, tra l’altro con la clamorosa complicità di Fazio nel derby. I due mediani davanti al reparto difensivo, hanno certamente regalato più protezione a Olsen che è passato dall’essere il primo portiere per interventi in serie A a fine settembre, al nono posto attuale.

    La trasferta di Empoli è tuttavia la conferma che c’è ancora qualcosa da registrare. I 20 tiri concessi ai toscani, compreso il rigore sbagliato da Caputo e il palo scheggiato da Bennacer, hanno riportato per una sera Di Francesco ad inizio stagione, quando la Roma era stata capace di subire 16 tiri nel primo tempo contro l’Atalanta e 30 complessivi nella trasferta di Madrid contro il Real. Proprio su questo tema, i numeri regalano una fotografia di quanto i giallorossi debbano ancora migliorare.

    I NUMERI – In serie A, Manolas e compagni sono ultimi nella speciale statistica dei tiri subiti considerando il pool ristretto delle squadre che si giocheranno presumibilmente un posto nella prossima Champions. La Roma, infatti, viaggia ad una media di 16,3 tiri concessi a gara. Peggio della Juventus (9), del Napoli (9,8), dell’Inter (10,8), del Milan (11,3) e anche della Lazio, che proprio nella fase difensiva lamenta il suo tallone d’Achille (12,5). Per questo motivo non deve rincuorare più di tanto il fatto di aver subito le stesse reti del Napoli (10) che, a differenza dei giallorossi, nel suo cammino ha incontrato Juventus, Milan, Lazio, Fiorentina e Sampdoria mentre la Roma, nelle prime 8 gare, ha già affrontato le ultime cinque della classifica (Chievo, Frosinone, Empoli, Atalanta e Bologna). Attualmente, quella romanista, è la nona difesa della serie A, dietro la Sampdoria (4), la Juventus (5), l’Inter e la Fiorentina (6), il Parma, il Torino, il Cagliari e la Lazio (9).

    Il trend positivo nelle ultime gare con il passaggio al 4-2-3-1 ancora non basta. L’ultimo step dovrà passare inevitabilmente dalla crescita individuale di alcuni interpreti. Fazio, ad esempio, al netto dei due gol segnati in campionato al Milan e alla Lazio, fatica ancora ad esprimersi ai livelli dello scorso anno. Kolarov, con il gol al derby e la buona prestazione con il Plzen, ha fatto dimenticare un avvio di stagione alquanto balbettante. Discorso simile per Olsen che, al netto delle ultime tre gare su quattro concluse con la porta inviolata, ancora alterna parate a indecisioni. Anche con il Plzen, in una partita scivolata via senza patemi, un paio di valutazioni errate – la prima su un cross, l’altra sbagliando uno stop di piede – potevano costare care.

    @@@ Non c’è da stare allegri leggendo questa statistica.

    Se si subiscono tanti tiri, non è solo colpa della difesa, è un pò tutta la squadra che ne è responsabile.
    Però, c’è un però secondo me.
    Il centrocampo non copre o copre male.

    Durante la partita di Empoli, DiFra si sgolava chiedendo a DDR di non arretrare troppo in difesa.
    Ma è nelle sue corde giocare così.
    Palla agli avversari ed immediatamente arretra.

    Fa molti salvataggi è vero, ma lascia un vuoto nella zona di sua [email protected]@@

    *** Il 4 3 3 di DiFra al Sassuolo era una meraviglia.
    Contavo di vederlo a Roma.

    Squadra corta veloce che giocava in verticale con grande aggressività e pressing.

    DiFra ha le sue colpe
    ma se è andato in confusione, non è tutto demerito suo.***

    1. Io penso che alla lunga in mediana dovremo puntare su cristante con solo uno tra nzonzi e ddr. Per evitare di schiacciarci troppo. La statistica dei tiri è relativa, anche per il brutto inizio di stagione. Ad Empoli ad esmpio abbiamo concesso per lo più tiri da fuori, pur avendo giocato una partita non brillante, rigore generoso a parte, raramente sono arrivati alla conclusione dentro l’area. In questo momento c’è da confermare le ultime prestazioni, poi se arriva anche una vittoria sporca con ad Empoli va anche bene.

      1. @@@ concordo
        in questo momento vedo più la coppia NZonzi Cristante.

        Onestamente molte critiche su questo ragazzo non le capisco.
        Giudicato dopo poche partite e tra l’altro nella confusione totale
        dei moduli da adottare ad inizio campionato.

        Se giocherà con continuità, solo allora si potranno tirare le somme.
        E’ giovane, da poco a Roma, tutto nuovo e diverso per lui.

        Diamo tempo e respiro a questi ragazzi!

  31. @@@ anche Gerson era un gran talento…
    ora gioca con la viola…

    i giocatori non li giudichi attraverso il tubo…

    a noi servono giocatori pronti, che abbiano già maturato esperienza
    in Europa o in Italia.

    Basta con le scommesse.

    Giovani ne abbiamo
    I Coric Zaniolo Pellegrini Cristante
    sono ancora tutti da valutare
    non bastano poche partite (o nessuna).

    Cerchiamo di prendere qualcuno che “serva” anche a DiFra.

    *** poi se Monchi ha fisse personali, compra chi vuole (con i suoi soldi)
    e lo fa giocare nel giardino di casa…***

  32. IMPORTANTE NN FARSI SCAPPARE QUALCHE PARAMETRO ZERO QUESTA ESTATE!!

    Andatevi a vedere i parametri zero che ci saranno in estate, perche ic sono nomi illustri come herrera, di maria, ramsey, rabiot, areola, de gea, martial, anderwield, godin , fabregas, brahimi, luke shaw, welbeck, dzagoyev e tanti altri.

    SPERO che monchi nn si lasci scappare queste occcaisoni.

  33. DOWN:”Sul fatto che Cristante sia stato il miglior centrocampista della serie A l’anno scorso, invece ritengo che questa sia solo un’opinione personale , non un fatto.”

    NESSUNO HA DETTO DELLA SERIE A, ma ITALIANO in serie A, questo si e lo dice non uno che ci impazzisce.

    SI parla di rendimento e quando si parla di rendimento non si parla di gusto personale, ma di dati concreti e di prestazioni SUL CAMPO, non ultima le prestazioni contro di noi dove prese a spallate strootman nn facendogliela vedere mai. PER DIRE.

    “Sul gran rifiuto di Monchi a prendere Paquetá, credo che possa essere stato l’ennesimo errore estivo.”

    ho scoperto pochi giorni fa su you tube questo giocatore, non sapevo della sua esistenza e sembra avere numeri incredibili, ma 35mln per l’ennesimo trequartista sarebbe stato stupido come acquisto, anche se si stratta di un gran talento.

  34. Buongiorno.
    Invito tutti quelli che hanno preso per oro colato l’artocolo sopra riportato di Dragoni ad andare a leggersi la replica della Roma che evidenzia, punto per punto, le cavolate ivi riportate.
    Che la Roma viaggi al limite delle proprie possibilità è un dato di fatto.
    Spingersi fino a questo limite ci ha consentito e ci consente, nonostante un fatturato di base (al netto del bonus champions) inferiore a quello delle milanesi, di collocarci da anni subito dietro alla Rube e di frequentare stabilmente la champions migliorando di anno in anno il piazzamento, fino ad essere arrivati a meritare la finale l’anno scorso.
    Per non spingersi oltre questo limite e provare a conservare, insieme alla competitività, anche la sostenibilità finanziaria, le cessioni sono necessarie.
    Purtroppo non solo per via delle plusvalenze ma anche se non sopratutto per la via della stabilità dei conti.
    Il nostro monte stipendi è già ora, stando agli analisti finanziari, i a percentuale eccessiva del fatturato, ma se si va a vedere i giocstori più forti sacrificati in questi anni (da lamela e Marcos, passando per Pjanic e Benatia, per arrivare a Salah, Szczesny ed Alisson), al di là delle plusvalenze ricavate, sono andati tutti a guadagnare altrove somme decisamente superiori, se non raddoppiate rispetto a quelle percepite dalla Roma.
    Trattenerli sarebbe quindi stato insostenibile, mentre la bravura dei nostri ds, dal Fumante a Monchi, è stata quella di riuscire a conservare la competitività nonostante la necessità di dover rimpiazzare giocatori di quel calibro ogni anno, sostituendoli con altri dalle pretese sostenibili.
    Certo, qualcuno obbietterà che cedendo ogni anno alcuni dei migliori difficilmente si arriverà a vincere lo scudo.
    Vero, ma è anche vero che competere con una Rube che ha sfondato i 400mln di fatturato è un impresa, così come lo è in Germania per via del Bayern o in Francia col psg.
    La costruzione del nuovo stadio forse ci consentirà di compiere lo step successivo ed avvicinarsi alla vetta, così come sta provando a fare l’Atletico Madrid in Spagna, ma prima di allora la via non può che essere questa.
    L’unica telorica alternativa è essere acquistati dal principe ereditario saudita o similia che potrà magari architettare cose come le sponsorizzazioni fittizie del psg.
    Prima di allora servirà s re un ds in grado di rimpiazzare un Salah che è andato a guadagnare oltre 5mln netti (che pare a breve saranno aumentati di parecchio) con un Under che ne guadagna 1, oppure un Alisson che ne guadagna oltre 5netti anche lui con un Olsen che ne percepirà per i prossimi 5anni meno di 2.

    1. Aggiungo che nn a caso oggi questo Dragone dei monti dell’ignoranza, scriveva un articolo su TUTTOSPORT e non so se capite, ma lo ripeto: TUTTO SPORT, dove parlava ancora del bilancio della roma ripetendo falsita ed inesattezze…

      Come si è caduti in basso…

  35. VAL, ti rispondo qui.
    Quando AVE cambia articolo bisogna adeguarsi 😄
    Io non ho perso speranze nella società.
    È l’esatto contrario.
    Il fatto che Pallotta abbia investito gran parte di quanto ricavato dal mercato è segno che si vuole mantenere un certo livello di competitività.
    Quella che contesto è solo la strategia adottata da Monchi.
    Anche perché non credo che Pallotta abbia un ruolo determinante nelle scelte del DS.
    Può solo avallare certe decisioni non credo sia lui a muovere i fili del mercato.
    Io fino all’arrivo di Monchi ho sempre visto una crescita societaria.
    Nonostante Monchi, la squadra per inerzia è arrivata tra le prime 4 d’Europa.
    Quest’anno dopo 3 sessioni di mercato dello spagnolo rischiano di pagare un conto salatissimo, perché stiamo perdendo la posizione di vantaggio sulle milanesi e sul Napoli.
    Non si possono cedere 6 titolari in 12 mesi pensando che la squadra non ne risentirà.
    E per fortuna Manolas e Dzeko hanno detto no!
    Con Sabatini eravamo abituati a una, massimo due cessioni dolorosa ad ogni sessione.
    Quella era la strada da seguire.
    E quando si investiva il fumante lo faceva su giocatori con grande potenziale e giovani.
    Le stesse squadre di Premier hanno regole rigide per giocatori intorno ai 30.
    Noi abbiamo speso 60 ml !!!!!! su giocatori di 30 anni. Questa per me è la follia di quest’estate.
    Non ho bisogno di vedere come andrà a finire la stagione perché già ora so che se non vinceremo qualcosa o se non arriveremo tra le prime 4 questi investimenti si giocatori “anziani” diventeranno dei boomerang.
    Come non capire che Pastore di fatto limita la crescita di Coric, Zaniolo e Pellegrini!
    Ma se sta bene lo devi schierare, lo stai pagando 4 ml all’anno!!!
    Io credo che questa stagione si poteva fare uno step in avanti, invece ne abbiamo fatti 2 indietro.
    Ed è un peccato visto che dai risultati sportivi, non solo dalle plusvalenze, derivano le nostre fortune.
    Gli sponsor guarda caso sono arrivati in massa durante la nostra cavalcata in CL.

    1. Condivisibile quello che hai scritto aggiungo anche che pastore oltre adesso è stato l’investimento molto in oneroso in termini anche di ingaggio l’ho trovato sbagliato anche dal punto di vista tattico perché nelle logiche di un 4-3-3 non lo vedo in nessuna posizione quindi dietro all’acquisto di Pastore doveva esserci necessariamente un cambio di modulo visto l’importanza dell’investimento cosa sconfessata Dai fatti almeno inizialmente è dalle stesse dichiarazioni di di Francesco un po’ come Schic. Su barella invece ci ritorno perché è un mio pallino il ragazzo dimostra di poter giocare in più ruoli avere una grossa tenuta atletica e anche la cosiddetta tigna che secondo me è fondamentale per essere un gran giocatore e mantenersi a certi livelli Inoltre è sicuramente più adatto a ricoprire molti ruoli tra i quali la mezzala e il vertice basso stupisce visto la giovane età la sua maturità cristante invece ha avuto una sola buona stagione lo scorso anno con Gasperini nel passato non ha rispettato le attese. Poi oramai credo sia evidente che non sia possibile paragonare Sabatini a Monchi. Il fumante di un altro livello e se ancora galleggiamo a certi livelli è grazie a lui

      1. Vorrei dire la mia sull’ operazione Pastore non condividendo in parte il discorso di Down

        Pastore è arrivato – è stato presentato- è stato mandato allo store a firmare autografi – il tutto mentre Ninja indossava la sciarpa dell’ inter

        C’è in questo caso un risvolto “politico” nella sua venuta anticipata anche a livello finanziario al 30.06

        Hai preso un calciatore di talento e di rilievo internazionale che secondo me insieme a Nzonzi e CR7 e Cancelo rappresentano i colpi “estivi” di nome più importanti per la serie A in entrata dall’ estero

        A livello tecnico tattico possiamo ragionare perchè l’ errore sta nel non capire (da parte di Di Francesco) che il suo modo di vedere la mezz’ala era molto diverso da quello di alcuni altri tecnici e quindi si ci è tutti convinti che lui avesse potuto interpretare quel ruolo – cosa che a mio parere con delle piccole modifiche e con la condizione atletica della squadra migliorata potrebbe ancora fare in alcune gare con la sua tecnica sopraffina che anche nei 30 minuti del derby a mio avviso è stata una delle scintille che ha innescato quella vittoria

        Certamente i ragazzi del 96-97-99 che hai menzionato potrebbero avere un minutaggio minore in gara ma io penso pure sulla carta “almeno” devi essere credibile ed avere dei calciatori che possano essere rappresentativi quanto utili su certi palcoscenici

        Insomma se ti facesse la giocata decisiva uno Zaniolo/Coric sarebbe da applausi e fiumi di articoli e avrai sempre il dubbio che possa essere un episodio singolo , se Pastore mi fa vincere una gara di Champions con un “pezzo dei suoi” ha solo dimostrato di essere un gran giocatore che può e deve farlo ed è stato preso x questo.

        Stamattina pensavo che il Fumante a Genova ha fatto altri 2 capolavori – il prestito di Audero che sta facendo benissimo – ma soprattutto il 96 danese Andersen preso a 2,5Ml dal Twente-

        Questi sono rischi che una semifinalista di Champions deve prendere “relativamente” nel senso che debbono completare una idea di squadra.

  36. HPosto qui visto che Ave ha cambiato articolo. Che si possa preferire Cristante a Barella rientra nei gusti personali e quindi insindacabili.
    Personalmente trovo che il cagliaritano sia di un livello superiore a Bryan e sarebbe stato un’elemento utilissimo nel nostro centrocampo grazie al suo dinamismo.
    Sul fatto che Cristante sia stato il miglior centrocampista della serie A l’anno scorso, invece ritengo che questa sia solo un’opinione personale , non un fatto.
    Sul gran rifiuto di Monchi a prendere Paquetá, credo che possa essere stato l’ennesimo errore estivo.
    Ma a scusa di Ramon c’è che il Brasiliano ha invero una difficile collocazione tattica ed è ancora acerbo per la serie A.
    Ma diavolo, con quel sinistro fa cose impressionanti!

    1. Secondo me potenzialmente possono diventare entrambi giocatori importanti, ma sono giocatori diversi. Barella al posto di cristante in questa Roma non so se sarebbe stata la scelta migliore. Forse al livello tattico serve più cristante, e per maturità cristante potrebbe essere avanti rispetto a barella. In prospettiva non ti so dire, mi sembra ancora troppo presto, perché cristante ha appena fatto il salto e deve ancora vedersi quest’anno, e barella perché sembra ancora acerbo, seppur al Cagliari.

  37. @@@ ed alcuni sono ancora entusiasti di questa proprietà.

    Viene vista come un’ancora di salvezza e si fanno paragoni con altre società.

    Dobbiamo pensare alla nostra e non guardare altrove.

    *** un proverbio dice pensa a chi sta peggio di te ***

    Sì ma così ti crei un bell alibj ed i presupposti per non migliorare.

    *** guardiamo una volta chi sta meglio.
    Cerchiamo di apprendere. ***

    Già spendendo meglio quei pochi soldi che abbiamo, sarebbe un bel passo avanti.

    1. D’accordo ma se si fanno certi paragoni è perché nel calcio si parte sempre da una base di tifosi, parliamo del numero di tifosi. Per competere con la juve dovresti avere almeno il 75% dei suoi tifosi, qui forse ne abbiamo il 10%. In economia sono definiti stakeholders, portatori d’interesse, a livello economico sono un potere enorme, il fatturato della juve del real del barca deriva da questo più di ogni altra cosa (stadio di proprietà, vittorie, premi ecc.)
      Secondo il tuo ragionamento per assurdo anche una squadra do serie C con il 10% dei tifosi che ha la Roma dovrebbe pretendere di essere a competere in serie A per lo posizioni di vertice o di giocare la champions. Se la storia della Roma è così povera di vittorie lo dobbiamo principalmente al fatto che siaml maledettamente pochi (ci potreemmo numericamente paragonare a club come Lazio, Fiorentina, Sampdoria ecc.). La juve intesa come modo di operare a livello di marketing o più semplicemente nel trading dei giocatori oggi possiamo solo vederla come un modello, nulla più

      1. @@@ io non intendevo assolutamente questo.

        Sono altri utenti che pensano che la Roma sia una grande squadra e possa competere con le big.

        Io penso che la Roma sia una squadra di seconda fascia.

        Non lo accetta, pensa il contrario (dirigenza e parte dei tifosi) e questo ha fatto sì di vivere al di sopra delle nostre possibilità.

        Non siamo una big, quindi tutto dovrebbe essere proporzionato, a cominciare dagli ingaggi

      2. Hai detto bene Ave, questa proprietà a livello economico fa addirittura il passo più grande della gamba, o comunque si tiene, a livello economico, sempre al limite, mantenendo ingaggi alti rispetto al nostro fatturato.
        Dato che da una misura dell’ambizione del progetto, che al contrario di quanto si dica, si dimostra economicamente e sportivamente in linea (a tenermi largo) con le attuali possibilità economiche. Possibilità che continuano ad aumentare di anno in anno. L’unica cosa contestabile penso sia ciò che in pratica fa monchi sul mercato. Che comunque rimane un giudizio in divenire.