Di Francesco: “La squadra può migliorare in entrambe le fasi”

di Francesco Gorzio Commenta

Gioia per i tre punti conquistati all’ultimo respiro ma anche il pensiero a tutto quello in cui c’è da migliorare.

Gioia per i tre punti conquistati all’ultimo respiro ma anche il pensiero a tutto quello in cui c’è da migliorare: ecco come Eusebio Di Francesco ha commentato la vittoria in casa del Torino alla prima giornata di campionato.

“La squadra può migliorare in entrambe le fasi, è normale che quando vuoi proporre cose importanti qualche rischio lo prendi. Dobbiamo migliorare a mio avviso soprattutto in quella offensiva, nell’ultimo passaggio oggi siamo stati poco lucidi. Non mi piace parlare di bocciature o elogi eccessivi, tutta la squadra deve continuare a migliorare e a crescere”.

Che gol ha segnato Edin Dzeko?

“È stato un gran gol. Ho pensato che a volte sbaglia quelli facili, ma ci ha abituato a queste prodezze”.

L’ingresso di Kluivert ha cambiato la partita?

“Nel primo tempo abbiamo fatto meglio nel palleggio ma siamo stati poco bravi nel passaggio finale. Nella ripresa abbiamo sofferto ma i tre che sono entrati dalla panchina lo hanno fatto alla grande. Kluivert me lo aspetto pronto, ancora deve capire bene come smarcarsi ma può fare male all’avversario come oggi”.

Come si spiega i passaggi avuti nel corso della partita?

“Sapevamo che non era facile contro il Torino. Le squadre sono agguerrite e noi dobbiamo essere più bravi a sbloccarla subito”.

Sarà ancora una corsa tra Juventus, Roma e Napoli come negli ultimi tre campionati?

“Me lo auguro, ma le milanesi si sono rafforzate, in particolare l’Inter. Non mi interessa parlare di griglie ma solo di far migliorare questa squadra, dai giovani fino a quelli più esperti come Pastore, che sono convinto che ci darà molte soddisfazioni”.

A proposito di Pastore: lo abbiamo visto come mezzala e come esterno del tridente: è così che lo vede?

“Lui può essere trequartista, mezzala, è un giocatore di alta qualità e ha bisogno di giocare. Sono contento della sua predisposizione, ma deve migliorare nel palleggio e nella palla importante: oggi non è stato molto lucido sotto questo aspetto ma lo è stato in tutti gli altri”.

Questa Roma può essere più forte di quella dell’anno scorso? Piu forte?

“Me lo auguro, il desiderio c’è. Sono andati via due giocatori importantissimi ma sono stati sostituiti: Olsen ha dato grande sicurezza alla squadra, al di là dell’incertezza che ha avuto. Non parlo solo delle parate che ha fatto, ma anche della gestione della palla con i piedi, nonostante la sua altezza e di questo sono molto felice”.

Lascia un commento