Monchi, occhio Roma: è già nel mirino di Chelsea e Manchester United

by Daniele Pace 0

Da calciatore Siviglia è stata la sua unica casa. Undici anni in cui è ovviamente rimasto anche quando il club è stato retrocesso in Segunda Division. Per chi non lo sapesse, ha giocato in porta, ma in realtà è dietro la scrivania che ha saputo imporsi dando il meglio di sé e arrivando a stimolare anche le sirene della Premier. Monchi ha ricevuto la nomina di direttore sportivo nel Siviglia dopo l’ennesima retrocessione a fine anni Novanta. Fin dal primo momento, erano due i principali obiettivi che la società gli ha assegnato: cercare di rinforzare e sviluppare il più possibile il settore giovanile e, al contempo, provare a spulciare l’intero mercato internazionale alla ricerca di potenziali stelle, da far crescere per poi rivendere a peso d’oro ai grandi club nel giro di qualche anno. E non si può certo dire che Monchi se ne sia stato con le mani in mano, dal momento che la sua gestione è stata costellata fin dalle prime battute da acquisti di giovani campioni.

Monchi e i campioni scoperti a Siviglia

Una serie veramente impressionante, dal momento che ha portato a Siviglia José Antonio Reyes, Sergio Ramos, Diego Capel e Alberto Moreno, per poi rivendere a cifre super Federico Fazio, Dani Alves, Alvaro Negredo e tanti altri. Insomma, facendo un rapido conto, grazie alla vendita dei calciatori che lui stesso per un pugno di milioni aveva portato al Siviglia, la società ha messo le mani su un tesoretto da circa 300 milioni di euro. L’anno scorso il grande salto, arrivando nel campionato italiano, con Pallotta che lo ha fortemente voluto come nuovo diretto sportivo: contrattone da ben quattro anni con un’opzione per il quinto. In questi primi dodici mesi ha già fatto vedere come mai al Siviglia era così apprezzato: questo calcio mercato ha portato a rivoluzionare la società capitolina, con la vendita di Alisson al Liverpool, che ha fruttato tanti soldi da reinvestire su giovani dal futuro piuttosto radioso.

Interesse dalla Premier?

Tutte queste operazioni non hanno fatto altro che attirare ancora di più l’attenzione degli addetti ai lavori e dei grandi club nei confronti del direttore sportivo della Roma. In particolar modo, pare che l’interesse più concreto sia quello che arrivi dalla Premier League. In realtà, non si tratta di un vero e proprio colpo di fulmine, dal momento che l’interessamento nasce davvero da lontano nel tempo. Non è un mistero, infatti, che due super potenze calcistiche come Manchester United e Chelsea stiano guardando con grande attenzione alle sue abilità e alla sua evoluzione come Ds. Le indiscrezioni riportano che tra Manchester e Londra potrebbe profilarsi uno scontro titanico per assicurarsi Monchi. In particolar modo, il portoghese Mourinho e il suo Manchester United vorrebbero scommettere sulle qualità di Monchi. I rumors, che arrivano soprattutto dal Telegraph, hanno evidenziato come anche il Chelsea sia sulle tracce dell’ex direttore sportivo del Siviglia.

Il settore tecnico è quello che entrambe le società inglesi hanno intenzione di rinforzare in modo cospicuo, dopo alcuni anni in cui le scelte di mercato non sono state effettivamente molto lucide. Anzi, spesso e volentieri, hanno davvero lasciato a desiderare. Ecco spiegato il motivo per cui l’approdo di Monchi, ad esempio, al Chelsea, avrebbe uno sponsor d’eccezione, come il neo tecnico dei Blues, Maurizio Sarri. L’ex allenatore del Napoli, infatti, sarebbe più che felice di avere al suo fianco un professionista competente come Monchi nella costruzione tecnica della squadra.

Tra poco parte il campionato

Nonostante i tentativi che verranno fatti, sarà certamente complicato strappare Monchi dalla Roma. Ecco spiegato il motivo per cui il Chelsea segue anche altre piste, come ad esempio gli ex Ballack e Belletti. L’obiettivo è sostituire senza aspettare troppo tempo Michael Enemalo, Dt che si è trasferito al Monaco qualche mese fa. Intanto la Roma prosegue il suo percorso di avvicinamento alla partita di domenica a Torino: saranno tante le insidie che attenderanno i giallorossi in un campo piuttosto ostico come quello granata. Siete sicuri che la Roma vincerà? Allora perché non scoprite tutte le scommesse Italia su un casinò spettacolare come NetBet, che opera con valida licenza Aams e nel rispetto del principio del gioco sicuro e corretto con la certificazione eCOGRA.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami