Monchi: “La vendita di Alisson dipende dalla Roma, che valuta sempre ogni offerta ragionando in base al bene del club”

by Francesco Gorzio 0

Le parole del direttore sportivo Monchi nella conferenza stampa di presentazione del portiere Antonio Mirante e del difensore Davide Santon.

“Siamo qui per la presentazione di due grandi giocatori. Non hanno bisogno di presentazioni, due giocatori italiani che avrei voluto anche tanti anni fa e oggi è una fortuna averli qui.

Che contributo può apportare Antonio Mirante?

“Mirante ha fatto un percorso importantissimo nel calcio italiano. Cerchiamo un portiere che trasmetta fiducia nelle sue qualità. Siamo felici e convinti di aver fatto una buona scelta”.

E Santon?

“Ho sempre un modo di pensare: il giocatore non dimentica mai come si gioca. A volte è la persona che non trova il posto per tirare fuori ciò che ha dentro. A volte serve un cambiamento per ritrovare un giocatore. È un giocatore con tante presenze in Serie A e Premier League, che ha vinto tutto, siamo convinti che troverà la giusta strada”.

Walter Sabatini ha detto che Alisson andrà al Chelsea per 70 milioni: la sorprende questa dichiarazione?

“L’ho letta, sono abituato a leggere tutto. Scherzando, visto che è lui che lo ha portato lui qui, magari sa le cose meglio di me! A volte le informazioni che girano non sono quelle reali. Non cambia nulla per noi su Alisson. Molte squadre stanno cercando un portiere e lui è molto forte ma non posso dire di più. Ho grande rispetto per Walter Sabatini”.

La trattativa con Florenzi ha fatto dei passi avanti?

“È vero che i contatti con il suo procuratore sono più frequenti e sono un po’ più fiducioso ma ancora manca qualcosa. Come dico sempre, non si può dire che una trattativa sia chiusa finché non lo è. Sono più fiducioso ma c’è ancora da lavorare”.

Berardi è un obiettivo come esterno alto a destra?

“Abbiamo Cengiz, Kluivert, Defrel, Perotti, El Shaarawy, Antonucci, Schick… qualcosa in quella posizione la abbiamo. A volte dobbiamo valorizzare quello che abbiamo e parlare meno di quanto potrebbe arrivare. Guardo sempre, fino alla fine le possibilità del mercato, senza dimenticare che abbiamo dei calciatori fortissimi”.

Su Ziyech ci sono diversi club: la Roma ha mollato la presa?

“Anche a questa rispondo così: Coric, Cristante, Pellegrini, Strootman, Zaniolo, Pastore… Sono più che contento di quello che abbiamo e penso che lo sia anche Di Francesco. C’è solo da capire chi è il più forte tra quelli che abbiamo. Guardiamo a quelli che abbiamo qui in rosa”.

Se la Roma cedesse Alisson per una cifra importante o magari per la volontà del giocatore, il primo nome per sostituirlo resta Areola?

“La vendita di Alisson dipende dalla volontà dalla Roma, che valuta sempre ogni offerta che arriva e che ragiona in base al bene della Roma. Non voglio parlare di sostituti perché penso ancora che Alisson rimanga qui. Non voglio pensare ad altro, lo aspettiamo negli Stati Uniti”.

Gerson potrebbe partire? E se restasse, cosa gli servirebbe per valorizzarsi?

“La fiducia della società in Gerson è al 100%. Per la sua crescita forse la possibilità di giocare tante partite di fila gli mancherebbe. Stiamo parlando con lui per fargli trovare la strada giusta, ma sempre nella convinzione che sia un giocatore forte”.

Francesco Gorzio

Giornalista pubblicista, appassionato di sport e tecnologia. Amministra il blog d'informazione calcistica Forza-Roma.com.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami