Santon: “La Roma rappresenta un motivo di rinascita, di riscatto”

di Francesco Gorzio Commenta

Davide Santon si è presentato nella sua prima conferenza stampa da giallorosso.

“La Roma rappresenta un motivo di rinascita, di riscatto. Sono venuto qui perché voglio dimostrare a tutti quanto posso dare. Sono qui per questo”: così Davide Santon si è presentato nella sua prima conferenza stampa da giallorosso.

Sei stato molto versatile in carriera, ma il tuo ruolo ideale è di esterno basso a destra?

“Penso che alla Roma ci siano grandi giocatori come, Florenzi e Kolarov. Io posso giocare su entrambi i lati e non ho preferenze, quello che devo fare è allenarmi forte, con la voglia di tornare quello che ho fatto vedere nel passato. Poi tocca all’allenatore decidere. Sono qui per dare il massimo per ritagliarmi un posto importante in squadra”.

Hai avuto un rapporto tra alti e bassi nel rapporto con Mancini: la Roma può darti la possibilità di tornare in nazionale?

“Certamente, lo reputo un bravo allenatore che merita il suo ruolo in Nazionale. Quello che ho sempre pensato in carriera è a fare bene nel club. Poi la convocazione è un premio per quanto stai facendo con la tua squadra. Se le mie prestazioni saranno all’altezza, magari ci sarà possibilità di tornare in Nazionale”.

Hai avuto un rapporto complicato con i social: c’è stato qualcosa di sbagliato e ti aspetti un rapporto con i tifosi migliore qui?

“Il rapporto con i tifosi dell’Inter è una cosa passata. Ci sono state delle incomprensioni ma ho già dimenticato. Con i tifosi della Roma c’è stato un buon approccio. Non so se tutti sono felici, ma ieri mi ha fatto piacere ricevere degli appalusi nell’allenamento davanti ai tifosi. Si vede che la Roma per loro è qualcosa che va oltre e mi fa piacere. Proverò a dare tutto me stesso e di dimostrarlo sul campo”.

Che rapporto avevi con Spalletti?

“Sempre buoni, abbiamo sempre parlato con sincerità. È un allenatore che ha lavorato bene e mi ci sono trovato bene. Ci sono state delle situazioni che mi hanno portato a questo cambiamento. Sono felice di essere qui e sono contento di aver conosciuto Di Francesco e sta andando tutto bene”.

Come sta il tuo ginocchio? Tempo fa dicesti di non poter giocare troppe partite consecutive.

“Io posso giocare anche tutte le partite. Come altri giocatori ho avuto degli interventi al ginocchio e ogni tanto devo fare attenzione. Il ginocchio sta bene, mi sento bene e se ci dovesse essere il bisogno di giocare ogni tre giorni non c’è problema”.

La Roma ti aveva mai cercato prima?

“Sì, c’era stato qualche contatto quando ero in Inghilterra e anche quando sono tornato all’Inter”.

Francesco Gorzio

Giornalista pubblicista, appassionato di sport e tecnologia. Amministra il blog d'informazione calcistica Forza-Roma.com.

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami