Diritti TV, Sky e MEdiaset lavorano ad un accordo

di Francesco Gorzio Commenta

Sky e Perform non sono intenzionati a fare donazioni, visti i soldoni sborsati per i diritti.

Serie A su Mediaset Premium, ultimi giorni decisivi per trovare un accordo sulla ritrasmissione delle partite sulla pay tv. Fa un certo effetto pensare che i telecronisti del Biscione possano trovarsi dal 20 agosto senza più calcio, soprattutto dopo le esclusive della Champions (per un triennio) e dei Mondiali. È vero che è stato già siglato un accordo per una decina di gare per le qualificazioni agli Europei, tuttavia si tratta di una consolazione per il telespettatore dei canali Mediaset abituato a vedere la Serie A.

In questi giorni fervono le trattative tra l’azienda di Cologno e i due broadcaster che si sono aggiudicati i pacchetti del massimo campionato di calcio. Ma Sky e Perform non sono intenzionati a fare donazioni, visti i soldoni sborsati per i diritti. Quindi sul tavolo ci devono essere argomenti più che validi per convincerli a cedere una fetta di torta. Oltre alle offerte economiche con Sky c’è anche un discorso sui contenuti, soprattutto dopo il riavvicinamento che c’è stato tra le due aziende in occasione della cessione dei canali di Premium Cinema. È molto probabile che nell’accordo ci sia il ritorno sul bouquet Sky dei canali Mediaset, com’era fino a qualche anno fa.

Con Perform invece ci potrebbe essere una partnership con Infinity, onde permettere alla tv streaming la trasmissione di film e serie Tv i cui diritti appartengono a Mediaset. In questi giorni l’azienda di Cologno sta spedendo lettere agli abbonati promettendo il massimo impegno. Anche per evitare improvvisi abbandoni e buchi di bilancio (visto che ci sono ancora da pagare rate dei vecchi diritti).

(Leggo, M. Castoro)

Lascia un commento