Totti difende l’operato di Eusebio Di Francesco

di Francesco Gorzio 5

Le sue parole da Montecarlo diventano automaticamente la posizione ufficiale del club di Jim Pallotta

Il Messaggero, M. Ferretti

Come ai vecchi tempi, Francesco Totti regala un assist a Eusebio Di Francesco. Non più con la fascia di capitano al braccio, ma con il tesserino di dirigente della Roma. E così le sue parole da Montecarlo diventano automaticamente la posizione ufficiale del club di Jim Pallotta. «Quando si perde è un momento delicato per tutti, noi come società siamo vicini a Di Francesco, crediamo forte in lui e lo sosterremo fino alla fine. È un punto fermo della nostra società», le sue parole. Dopo aver esordito domenica sera nel pre-match dell’Olimpico ai microfoni di Mediaset Premium, Totti a distanza di poche ore torna a parlare di Roma usando il noi societario. Segno che il suo percorso di crescita dirigenziale sta proseguendo secondo copione. Ed è facile immaginare che l’intervento di ieri dal Principato, dove ha partecipato (prendendo un premio alla carriera) ai Laureus Sports Award, era stato concordato il giorno prima con i vertici della società. «Preoccupato? No, perché credo in Di Francesco. Gli siamo vicini in tutto e per tutto, e lui cercherà di risollevare la squadra. Venivamo da tre vittorie in campionato, c’è stato un piccolo passo falso in Champions e una sconfitta brutta con il Milan, ma non è una situazione così critica. Ora, purtroppo, si parla di questo e cercheremo di cambiare rotta».

IL VALORE DELLE PAROLE – Qualcuno potrà obiettare: che altro poteva dire, Totti, se non quello che ha detto, visti i suoi rapporti con l’amico Eusebio? Vero,ma intanto certe cose le ha dette, e restano lì come parere societario e non personale. Ancora. «Nell’arco di una stagione gli alti e bassi possono esserci, e a Roma queste situazioni spuntano all’improvviso, quando meno te lo aspetti. Sono sicuro che ci risolleveremo e faremo un grande finale di stagione. Il problema del gol sparirà: basta restare uniti, coesi e avere un unico obiettivo. Sono certo che andremo avanti in Champions e finiremo bene in campionato. Le voci di crisi non ci interessano: società, squadra e allenatore sono uniti. Ci risolleveremo anche se a Roma, quando ci sono difficoltà, tutto diventa più difficile. Ora sta ai giocatori tirare fuori quello che hanno dentro e fare le cose semplici, perché così si ribaltano le situazioni complicate».

IL DIKTAT ALLA SQUADRA – Monchi da Pallotta, a Boston, ma non – a dire di Totti – per questione legate a Di Francesco. «Monchi è andato lì per parlare di altro, non di Di Francesco per il quale nutriamo tutti grande fiducia», ribadisce Totti pronto anche alla critica. «Contro lo Shakhtar il secondo tempo mi ha sorpreso, perché dopo una prima frazione come quella non pensavo a una ripresa così brutta. Abbiamo tutte le carte in regola per ribaltare la partita e conquistare la qualificazione. Dzeko tornerà a segnare, ci sta unmomento di flessione ma lui i gol li ha sempre fatti». Poi. «Consigli alla squadra? Se ne possono dare tanti, ma alla fine dipende tutto dai giocatori. Come già detto, servirà unione e convinzione delle proprie qualità. La squadra deve capire mentalmente di essere forte». Scudetto al Napoli, «perché se lo rivince la Juve è monotono» e nessun ulteriore pensiero per Spalletti, «per me è un capitolo chiuso e non intendo più dire niente a riguardo. Penso a Eusebio, che farà grande la Roma. Io allenatore della Roma in caso di necessità? No, no, no… Ho altro da fare».

Lascia un commento

Commenti (5)

  1. Onestamente nei 210 minuti giocati la Lazio avrebbe meritato di più del Milan. Detto questo stavo guardando un video in cui Naingollan ed El Shaaravhy,presenti come ospiti d’onore in un AS Roma store, venivano invitati da un tifoso a correre (in campo) Mentre si udivano voci di altri che lo invitavano a stare zitto. Ecco credo questo sia un po un’immagine emblematica del tifoso della Roma di oggi. Assuefatto alla sconfitta, alla totale mediocrità, a questi tizi tatuati e dai look improbabili che gonfi di milioni vanno a fare le guest star nei negozi che vendono prodotti con il marchio del club per il quale giocano. Un tempo a fronte di certi risultati e di certe figuracce in campo,li avrebbero contestati quasi la totalità dei tifosi presenti. Oggi invece uno dice che rimane a Roma per lo shopping e per i ristoranti (poi fa cagare in campo) e la gente li ad accalcarsi per fotografarli. Anche per questo questa squadra non vince piu nulla.

  2. La difesa di DiFra da parte di Totti mi sa tanto di falso e di facciata, come le parole degli indegni Monchi e Pallotta (il peggio del peggio nella storia societaria già brutta della As Roma) quando non dovevano vendere nessuno e poi il giorno dopo hanno venduto.
    Indi, in caso di pesante sconfitta sabato sera, io mi aspetterei già l’esonero lunedì.

  3. Nell’attesa di una probabile “manita” sabato sera dai Pummarola, sdrammatizzo con una battuta… lo scudetto a Roma è come la grande nevicata… arriva ogni 50 anni!!
    Ah ah ah ah

  4. …se non altro, non so’ andati in finale (l’ennesima)
    lo so magra consolazione, ma de ‘sti tempi…!

    …e’ l’alba
    Buongiorno a tutti

  5. Totti non è e non potrà mai essere uno che con le parole cambia i destini di una squadra. Non ne ha né la grinta da duro né il lessico del grande comunicatore. Non potrebbe nemmeno volendo fare l’allenatore della Roma perché ha abbandonato il corso per prendere il patentino. Totti è semplicemente una cartolina della Roma esposta in tribuna o mandata in giro per il mondo per rappresentare il marchio AS Roma. Tutto qui. E credo che anche a lui,ora che non gioca più, interessi fare altro.