Kaka squalificato, scatta l’ora della bestia

di AS ROMA | Forza Roma 4

Rassegna Stampa – Il Romanista – Fate largo, arriva la “Bestia”. Ci voleva un cartellino rosso, rimediato per doppia ammonizione contro la Costa d’Avorio, per far fuori Kakà e lasciare scampoli di visibilità a Julio Baptista. Venerdì a Durban, ore 16, Dunga potrebbe essere costretto ad affidare una maglia al romanista. Il Brasile si gioca il primo posto contro un Portogallo che è in condizione strepitosa e che ieri ha massacrato per 7-0 la Corea del Nord. Baptista è il candidato ideale a sostituire il fuoriclasse del Real Madrid. D’altronde,

poco prima dell’inizio di Sudafrica 2010 era stato lo stesso Kakà a benedire Baptista: «Spero di non aver problemi durante il mondiale. Ma se dovesse servire, Julio Baptista è il mio sostituto ideale. È stato convocato ed ha giocato spesso al posto mio, dimostrandosi sempre pronto e capace per farlo».

Senza contare che Dunga perderà anche Elano, grande protagonista di questa prima fase del Mondiale e sostituito al 22’ della ripresa da Dani Alves per infortunio. Il medico della nazionale brasiliana, Josè Luiz Runco, ha escluso che si tratti di qualcosa di grave: «Ha preso una brutta botta alla caviglia destra. Ora lo terremo sotto osservazione e a riposo a letto con le applicazioni di ghiaccio e poi valuteremo». Dunque, data la sua duttilità tattica, Baptista potrebbe finalmente avere la sua grande occasione. La Roma non vedeva l’ora. A Trigoria si ragiona sulla lunghezza d’onda della cessione del brasiliano, ormai dichiaratamente non più in sintonia con Ranieri. Qualche giorno fa, in conferenza stampa, Baptista è stato fin troppo chiaro: «L’anno scorso è arrivato un altro allenatore (Ranieri, ndr) e le cose sono cambiate. Anzitutto perché è cambiata la sua filosofia di calcio, per la quale non mi considerava adatto».

Baptista non era arrabbiato. Anzi. Si è subito affrettato a spiegare che « Succede. In Europa è una cosa normale». Però, ormai, la frattura non pare più ricomponibile. A Trigoria vogliono attendere prima di prendere in considerazione delle offerte, che comunque sono arrivate. Attendere cosa? Ovvio: la fine del Mondiale. Un gol della “Bestia” e la sua valutazione si incrementerebbe sensibilmente. Senza dimenticare che l’ingaggio di Baptista è di quelli pesanti: 4.5 milioni lordi a stagione. Una cifra pazzesca per un giocatore che nell’ultimo campionato ha collezionato 719 minuti, contro i 1449 – tanto per fare un esempio – di Jeremy Menez. Il cui stipendio, al lordo, sarà nella prossima stagione di 2.5 milioni.

Lascia un commento

Commenti (4)

  1. il primo anno e’ stato forse il migliore nella Roma ,il secondo e’ stata una delusione,do tutte le attenuanti ma e’ meglio per tutti che a questo punto trovi un’altra squadra…forza Baptista sempre  (Quota Commento)

    Il primo anno non è stato certo il migliore (basta vedere i numeri, e Totti e Vucinic ed anche Panucci, ad esempio, gli erano davanti). Quest’anno mi ha profondamente deluso per un impegno a livello zero, tutte le volte che è stato chiamato in causa.

  2. Ma ancora lo chiamate la “bestia”?? 😯 😆

  3. il primo anno e’ stato forse il migliore nella Roma ,il secondo e’ stata una delusione,do tutte le attenuanti ma e’ meglio per tutti che a questo punto trovi un’altra squadra…forza Baptista sempre

  4. si puo dire tutto della bestia tranne che non sia un signore…difficile dote nel mondo del pallone