Grande De Rossi, piccola Italia

di AS ROMA | Forza Roma 13

Rassegna Stampa – Il Romanista – Consoliamoci pure, basta averne la voglia, con i guai dell’Inghilterra e dellaGermania o, meglio ancora, con la tragicommedia della Francia. E magari esercitiamo la memoria, ricordando in certi casi l’orrore, in altri il mesto grigiore, di tanti gironi eliminatori anche in mondiali (compresi, eccome, quello di Spagna nell’82, ma anche l’ultimo) in cui, alla fine, l’Italia l’ ha fatta da campione. E se tutto questo non basta guardiamo avanti: in un modo o nell’altro, salvo eventi calcisticamente calamitosi, è più che probabile che il turno l’Italia lo passi, e a quel punto le cose, come è sempre successo, miglioreranno. Benissimo. Lo faremo. Ma in cambio esigiamo formalmente che si smetta subito di romperci le scatole con le chiacchiere insulse sull’”Italia operaia“. Prima di tutto perché (vedi quello che si sta consumando a Pomigliano e dintorni) la questione operaia è una cosa maledettamente seria, e non è il caso di evocarla tanto a sproposito. E poi perché l’Italia che abbiamo visto ieri con i campionissimi della Nuova Zelanda (e, se è per questo, pure quella che avevamo visto lunedì scorso contro il popolare paraguagio) non è una squadra operaia. E’ una squadra disperante per mediocrità e assenza di gioco e di idee. Potrà ritrovare se se stessa, e prima ancora la strada che porta a quell’inezia denominata gol, senza la quale il gioco del pallone perde non solo il sapore, ma la sua stessa sostanza? Forse sì: come abbiamo accennato, è già successo, in passato, un’infinità di volte. Ma come questo ritrovamento possa mai avvenire, speranze nello stellone d’Italia a parte, non sapremmo proprio dirlo. Soprattutto non sapremmo dire a chi mai bisognerebbe affidarsi per cercare di rintracciare il bandolo della matassa. Lo diciamo un po’ tutti: non c’è nulla, nel nostro gioco, che abbia qualcosa da spartire con un lampo, un’intuizione, una pensata. E se tutto questo manca è perché non c’è nessuno che abbia illuminazioni di questo tipo. Non ci sono, tanto per essere chiari, né Totti né Cassano: e assenze simili, già difficilissime da giustificare in assoluto, diventano colpevoli in un mondiale dal tasso tecnico così basso da far dubitare che anche il calcio sia minato da una crisi di cui non si intravedono gli sbocchi. E’inutile piangere sul latte versato (da Lippi). I giocatori sono questi, e possiamo solo tenerceli incrociando le dita. Intanto, però, un obiettivo minimo ce lo poniamo. E Lippi una mano può, anzi, deve darcela. Perché, lo giuriamo, nessuno di noi ha commesso peccati così gravi da meritare pene durissime come la visione diGilardino, che ha ridotto da dieci a cinque metri il suo campo di (inutile) gioco; o di Marchisio, alla cui vista ci si stringe il cuore per l’assenza di Perrotta; o degli insopportabili resti calcistici di Camoranesi. Per lo meno, non continuiamo a farci del male.

Lascia un commento

Commenti (13)

  1. concordo con Goteborgiallorossa!

  2. ma dico: schi.fo e’ un insulto da censurare?

  3. Qui non si tratta di piangere sul latte versato. Qui si tratta che Lippi ancora si permette di insultare dicendo che non ha lasciato fenomeni a casa!
    Montolivo non doveva nemmeno giocare dato che ha preso il posto di quel morto vivente di Pirlo. Questo e’ Lippi. Uno che faceva giocare da schifo l’Inter eppoi chiedeva a Baggio di risollevare le partite negli ultimi 20 minuti. Cmq, un’ultima partita e ce lo leveremo dai ministri degli interni per sempre. Il problema e’ che i vari Abeti, Petrucci e compagnia bella saranno sempre li’ fino alla loro morte.

  4. ma compramose montolivo che è uno da roma….cerchiamo di prenderlo…

  5. ❗ ❗ siamo alle solite quando l’Italia è nei guai escono fuori i giocatori della Roma.Quattro anni fa Totti contro l Australia, in questo mondiale son 2 volte che DeRossi la tira fuori dai guai (chissà se basterà).E i giocatori di Milan eJuve (INteristi italiani non ci sono)dove stanno?Sono partiti per il Sud Africa?Qui tranne Montolivo e DeRossi nn esiste nessuno. ❗ ❗

  6. la cosa che mi rattista e’ che mi sembra che Capitan furo si sia imborghesito

  7. La stecca a 200 all’ora De Rossi l’ha tirata solo che non è entrata. Poi è chiaro che se tutta la squadra gioca male anche lui gioca sotto le sue possibilità ma è sempre il migliore  (Quota Commento)

    ad essere obbiettivi l’unico che ha giocato decentemente e’ montolivo….De Rossi forse,ma quel tuffetto non e’ da lui…

  8. La stecca a 200 all’ora De Rossi l’ha tirata solo che non è entrata. Poi è chiaro che se tutta la squadra gioca male anche lui gioca sotto le sue possibilità ma è sempre il migliore

  9. basta fare paragoni con la squadra dell’82 ,quella era una Italia commovente,erano 11 pitbull…Scirea,Gentile,Causio Conti Tardelli Furino Bearzot Pertini(tutto era piu bello) maradona che finisce la partita con la maglietta tutta strappata….quella nazionale vincerebbe contro questa Italia fatta da perfetti sconosciuti e bidoni

  10. e’ difficile essere anche arrabbiati ,una nazionale cosi fa solo ridere,persino una lazietta vincerebbe facile contro questa italia

  11. io da De Rossi mi aspetto una stecca a 200 all’ora non un tuffetto alla pippo inzaghi,poi questa foto che fa la trombetta a quel bidone di iaquinta

  12. non me ne volete ma a me ha fatto pena anche capitan futuro…c’era bisogno di un tuffo ed un rigore cosi generoso per battere una squadra come la nuova zelanda….