Pellegrini: “Purtroppo non è bello segnare se non si vince”

di Francesco Gorzio Commenta

Pellegrini è amareggiato dopo il pareggio interno dei giallorossi con il Sassuolo per 1-1, suo il gol del vantaggio.

“Purtroppo non è bello segnare se non si vince, soprattutto quando giochi in casa e sai che devi vincere. Sono dispiaciuto, dovevamo chiudere il match ma non ci siamo riusciti”: è un Lorenzo Pellegrini amareggiato quello che si presenta ai microfono di Roma TV dopo il pareggio interno dei giallorossi con il Sassuolo.

Meglio forse la Roma della ripresa, anche se poi è arrivato il pari…

“Sì, nella ripresa abbiamo giocato meglio. Loro hanno fatto quello che dovevano, chiudersi e ripartire. Ci hanno creato qualche difficoltà, ma, ripeto, dovevamo portarla a casa la partita e ci dispiace molto non esserci riusciti”.

Che momento state vivendo?

“All’inizio della gara avevo davvero una sensazione positiva, eravamo carichi anche perché volevamo rifarci dopo il KO di Torino. Poi però quando i risultati non arrivano è normale che ci sia qualcosa da migliorare e allenare. Noi dobbiamo pensare a lavorare sul campo e basta, solo questo ti fa arrivare ai risultati. Ora è normale che siamo tutti rammaricati per queste due partite in cui abbiamo preso un solo punto: dobbiamo ripartire subito contro l’Atalanta, che diventa la partita più importante per noi”.

La squadra non gioca più in verticale con pochi passaggi, ora portate più palla giocando in orizzontale: confermi?

“Oggi avevamo preparato il match sapendo che loro si chiudevano centralmente e che sarebbe stato difficile trovare palloni tra le linee o una giocata centrale. Per il resto c’è sempre da fare qualcosina in più. E lo faremo perché così è evidente che non basta”

I gol annullati?

“Ero sicuro dal campo che il gol di Dzeko fosse buono, perché mi sembrava in posizione regolare. Adesso rivedendolo mi sembra fuorigioco. Invece il gol di Florenzi mi sembrava fuorigioco e adesso invece rivedo che la VAR ha visto il piccolo blocco di Under ai danni del giocatore del Sassuolo. Con la VAR non si sa mai sei puoi esultare o no sotto questo aspetto è sicuramente un po’ pesante. Al gol di Alessandro è evidente che abbiamo esultato tutti, poi quando ti dicono che non è gol il dispiacere è triplo”.

Lascia un commento