Stadio della Roma, il TAR conferma: ok al pubblico interesse

di Francesco Gorzio Commenta

Nessuna sospensione della delibera con la quale l’Assemblea capitolina ha approvato a maggioranza l’interesse pubblico lo scorso giugno.

Nessuna sospensione della delibera con la quale l’Assemblea capitolina, il 14 giugno scorso, ha approvato a maggioranza la delibera che attesta l’interesse pubblico del progetto del nuovo Stadio della Roma, in località Tor di valle. L’ha deciso il Tar del Lazio con un’ordinanza con la quale ha respinto la richiesta della società Cogemi di sospensione della decisione assembleare. La Cogemi e’ proprietaria di alcuni dei terreni della zona dove sorgerà la struttura sportiva.

Secondo quanto si è appreso, tra le altre cose, sostiene che col progetto sarà impressa una destinazione urbanistica che li danneggerebbe, lamentandosi anche di non essere stata contattata per partecipare al procedimento. Già in passato la Cogemi aveva contestato davanti al Tar lo studio di fattibilità dello Stadio quando era sindaco Ignazio Marino (il ricorso proposto e’ ancora pendente davanti al tribunale amministrativo). Con l’ordinanza di oggi, il Tar ha ritenuto “al sommario esame della controversia consentito nella fase cautelare, che non ricorrono nella fattispecie i presupposti utili per la concessione della richiesta misura cautelare, in quanto la parte ricorrente non ha fornito idonei elementi di prova in ordine alla ricorrenza di un pregiudizio grave ed irreparabile che conseguirebbe all’esecuzione degli atti impugnati”.

Lascia un commento