La Roma perde contro il Napoli per 1-0, Dzeko punta il Chelsea

di Francesco Gorzio Commenta

Edin Dzeko ha vissuto momenti di desolazione in ambedue le facce, anche se per motivi molto diversi tra di loro.

Gazzetta dello Sport, A. Pugliese

Solo, a tratti anche solissimo nel primo tempo. Sfortunato, forse anche sfortunatissimo nella ripresa. Sono le due anime diverse di una stessa partita, quella di un Edin Dzeko che ha vissuto momenti di desolazione in ambedue le facce, anche se per motivi molto diversi tra di loro. Quasi abbandonato a se stesso nel primo tempo, quando il 4-2-3-1 scelto da Di Francesco e l’atteggiamento troppo passivo della Roma lo hanno spesso isolato tra le tante maglie della difesa azzurra. Capace invece di maledire la dea fortunata nella ripresa, quando la traversa (nono palo stagionale, i giallorossi sono in testa nella speciale classifica della sfortuna) gli ha negato l’ottavo gol in questo campionato e quando poi, invece, è stato proprio lui a non credere troppo ad un assist di Under sul secondo palo che poteva essere decisivo. A conti fatti la notte da re che il centravanti bosniaco sognava alla vigilia è evaporata via strada facendo e pazienza se l’altro pretendente al trono (il napoletano Mertens) non ha segnato neanche lui. La Roma ha perso e, tra l’altro, c’è un altro bomber in città (Ciro Immobile) che segna a raffica e che per alcuni versi acuisce, ancora un po’ di più, l’amarezza giallorossa per la sconfitta di ieri sera.

TABÙ CHELSEA – Che poi Dzeko sia stato spesso fuori dalla partita lo testimoniano anche le statistiche conclusive, che ci dicono che il bosniaco alla fine ha toccato appena 28 palloni, meno di chiunque altro tra quelli che sono partiti dal via. Colpa, appunto, di quel primo tempo in cui la Roma si è un po’ buttata via e in cui Dzeko in un paio di ripartenze ha frenato, allargato desolatamente le braccia e scaricato il pallone indietro, visto la solitudine che l’accompagnava. Colpa anche della condizione approssimativa di Perotti e della partita negativa di Florenzi. Insomma, nei primi 45’ sembrava un po’ lo Dzeko visto con l’Atletico Madrid, quello che poi a fine partita si è lamentato proprio di quella solitudine lì. Cosa che, ovviamente, è sparita nella ripresa, quando con il 4-3-3 Di Francesco ha sistemato un po’ le cose e le distanze tra il bosniaco e il resto della squadra si sono di colpo accorciate. Ora Dzeko vorrà smaltire la rabbia mercoledì in Champions, quando tornerà in quella Inghilterra che gli ha regalato tante gioie, ma anche qualche piccolo dolore. Avversario di turno un Chelsea a cui finora non è riuscito mai a far gol nelle 9 sfide personali. Ecco, la gara di Stamford Bridge adesso ha un motivo in più per mettergli addosso la rabbia giusta, quella di chi vuole tornare ad esultare per gioire. E, magari, per sentirsi anche un pizzico meno solo di prima.

Lascia un commento