L’Inter vorrebbe Manolas a giugno. Difficile che Trigoria rinforzi una concorrente

di Daniele Pace Commenta

A Milano stanno facendo un pensiero concreto sul greco della Roma, ma a Trigoria difficilmente ci sarebbe la voglia di rinforzare una diretta rivale.

L’Inter è alla ricerca disperata di un forte difensore per la prossima stagione, e a Milano stanno facendo un pensiero concreto sul greco della Roma, una maxi-offerta a cui sarebbe difficile dire di no. Ma a Trigoria, dove pur non disdegnerebbero nessuna offerta attorno ai 40 milioni, difficilmente ci sarebbe la voglia di rinforzare una diretta rivale allo scudetto, e quindi la risposta sarà presumibilmente negativa, anche in considerazione delle numerose sirene inglesi che stanno chiamando il difensore, pronte a scatenarsi su un’asta che potrebbe portare l’asticella delle quotazioni per il greco, ben al di sopra dei 40 milioni a cui la Roma cederebbe il suo gioiello.

L’Inter vorrebbe prendere un italiano, ma di difensori di alto livello nostrani ce ne sono pochi, e quasi tutti incedibili. La società nerazzurra, l’anno prossimo, non dovrò rispettare più il Fair Play finanziario, e i cinesi vorranno certamente riversare i loro milioni sul mercato per allestire una società competitiva. Sfumato Caldara dell’Atalanta, andato alla Juve, l’Inter vorrebbe puntare forte sul greco, ma la strategia sarà sicuramente inefficace, per un giocatore che ha tanto mercato estero, in particolare nella ricca Inghilterra. A Trigoria non sono certo in vena di regali alle concorrenti, e i tempi in cui a Milano prendevano i difensori giallorossi più forti, vedi Chivu, Mexes e Samuel, sembrano finiti.