De Rossi: “La Roma è stata ed è ancora il mio più grande amore”

di Redazione 15

Daniele De Rossi alla presentazione del libro di Marianella

DeRossifeltrinelli

Daniele De Rossi ha presenziato all’evento legato alla presentazione del libro di Massimo Marianella “Dove ti porta il calcio”. Moltissimi tifosi presenti, moltissimi anche i cronisti in sala: tra questi, anche il nostro Matteo Vitale. Ecco le sue parole.

Si parla di stadi europei, praticamente il tema centrale del libro di Marianella.
“Sono 15 anni che purtroppo viaggio solo per giocare, che è la cosa più bella di tutte per me e il mio lavoro, ma mi manca viaggiare nelle città dove ho giocato e vado a giocare ancora, mi manca sopratutto poterle visitare, visto che mi piace moltissimo viaggiare. Lo stadio che mi ha più impressionato? Direi San Siro. La sua grandezza, la sua maestosità…già vederlo da fuori fa effetto. Anche i nuovi giocatori che vengono a giocare nella Roma restano un po’ impressionati. Da giovane Gerrard era davvero un punto di riferimento, un idolo per me, per quello che ha fatto in campo e fuori. Devo prendere esempio da lui: è sempre stato perfetto, in campo e fuori, mentre io a volte sono scivolato. Devo imparare da lui, che nella seconda fase della mia carriera è stato il mio idolo assoluto, il giocatore che volevo diventare ed essere: come giocate e testa, ma anche fuori dal campo.

Se in passato sono stato vicino a grandi squadre? Per me, come nella vita di tutti voi, ci sono stati momenti della mia vita in cui pensavo di cambiare, o ero tentato dal pensare a questa possibilità. Ci sono stati momenti in cui ero indirizzato a fare questo grande passo, ma poi sono rimasto alla Roma, ho fatto una scelta professionale e mi va bene così. Poi, di indole sono uno a cui piace girare tantissimo, viaggiare e imparare altre lingue. Provare a vivere lontano dalla famiglia e dagli amici di infanzia sarebbe stato come tagliare il cordone ombelicale. Se rivedo le mie partite? Noi, per lavoro, le rivediamo, ci fanno vedere anche quelle degli avversari. Dipende all’allenatore: c’è chi è fissato e la vedere mille volte, chi qualche volta di meno. Tendo a rivedere quelle in cui siamo andati bene o in cui ho giocato bene: quelle in cui perdiamo o gioco male non vorrei mai rivederle. Lo dico: che si vinca o che si perda, la notte non si chiude occhio. Pensate, dopo l’ultima vittoria alle 3:00 mi sono alzato, sono andato in salone e ho rivisto la partita, che tanto non si chiudeva occhio. Se perdo preferisco vedere un film. Cosa importante: non tolgo l’audio, la ascolto con interesse, prestando attenzione alle parole soprattutto del secondo commentatore, la voce tecnica: per esempio adoro Adani, sento che lui durante la partita vede quello che in campo vedo io, capisce perché faccio una giocata, perché scivolo. Sa di cosa sta parlando. Per noi calciatori poi sono importantissimi i commentatori, ci influenzano molto.

Quando ho intenzione di lasciare il calcio? Non lo so, il più tardi possibile. L’addio di Gerrard è stato elegante e dignitoso. Penso che sia stato un dolore staccarsi da quello che hai cucito addosso per tutta la vita. Spero di lasciare il calcio più tardi possibile, ma lo voglio fare quando non sarò più in grado di essere forte, di aiutare la Roma ed essere utile. La Roma è il mio più grande amore e lo è ancora, ho ancora due anni di contratto e due anni passano velocemente. Penserò di lasciare la Roma quando mi renderò conto di essere in difficoltà fisica, di avere tanti acciacchi e di non essere più forte. Vorrò smettere con la stessa dignità di Gerrard. Voglio allontanarmi da Roma quando sarò ancora forte e sano fisicamente. Forte nel senso che mi sentirò in forma, in condizione. Perché bandiere nel calcio italiano non vengono trattate come all’estero?  Beh, begli episodi ci sono anche da noi. Maldini a Firenze è stato applaudito da tutto lo stadio, a Milano Francesco (Totti, ndr) quando è entrato in campo è stato applaudito, raccogliendo il giusto tributo. Non siamo molto lontani dal riconoscere grandi campioni e grandi bandiere. Ci sono momenti legati ai risultati della nostra squadra del cuore e si può perdere la lucidità. Il soprannome ‘Capitan Futuro’? Credo sia stato Tonino Cagnucci a darmelo. Lo stimo, ha scritto un bel libro su di me e credo lo abbia coniato lui. Non è che sia il massimo, non mi fa impazzire e non mi dà fastidio, ma va bene (ride, ndr). Il derby? Manca una settimana e sono ancora tranquillo, poi so già che man mano che ti avvicini alla partita senti salire la tensione, ma ne ho giocati parecchi e penso di riuscire a gestirla”.

Lascia un commento

Commenti (15)

  1. il de rossi del secondo tempo contro l’udinese ha dimostrato che, se rimette a posto la testa, e torna ad allenarsi duramente in settimana, può ancora dire la sua ai massimi livelli
    secondo me il mini ritiro gli ha fatto bene, se st’estate si rimette a lucido avremo ancora un grande centrocampista

    1. @King Schultz: poi se riescono a prenderne uno più forte a metà stipendio, meglio ancora 😆

  2. Nessuno tocchi Daniele De Rossi.
    Se uno sta con una donna miliardaria per soldi ma è fedele allora ha il diritto di dire in giro che la ama e nessuno lo deve accusare di ipocrisia.
    E lui alla Roma è fedelissimo.
    È una persona mai ipocrita, mai banale.
    La differenza tra la Roma e una donna ricca? Nessuna, in entrambi o casi invidio il fortunato 😆
    invidioso chi lo critica :p

    1. @Sono PokotoPokoto Quindi Romanocinese: la differenza tra la roma e una donna ricca sono i soldi 8)

    2. Poi che sono prevenuto, causa foto del tuo profilo?!
      Mezzo tempo contro l’udinese e parte la sagra del ‘se’, “se si allena”, “se mette la testa a posto”, “può ancora dire la sua”…l’unica cosa che vorrei dicesse de rossi è: grazie Roma, è stato bellissimo!
      Intervista che toglierebbe le forze a chiunque, altri due anni di de rossi top Player ridimensiona le aspettative dei tifosi romanisti, che vedono nei top Player delle concorrenti un confronto a perdere senza se e senza ma!
      Spero recuperi strootman e venga riscattato nainggolan cosi’ che de rossi venga relegato al ruolo che si merita, il top panca!

  3. Da un certo punto di vista è anche comprensibile.
    Piglia bagagli a mano di soldi, che gli vuoi dire? “no, non farlo”?
    Sai che gliene frega.

    Dall’altro, però, è anche vero che non può parlare di grande amore se, per rimanere, ha sbattuto i piedini per terra costringendo la Roma ad un salasso economico devastante, per non perderlo a 0.

    Damiano Tommasi, dopo un anno da infortunato, si decurtò lo stipendio fino al minimo sindacale imposto dal CCNL.
    Questo è uno che antepone la sua passione, gratitudine, rispetto e professionalità al profitto, peraltro, percepito senza far nulla.

    Forse non sarà mai banale, ma umanamente mi fa proprio vomitare.

    1. Esagerato!!!! 😯
      Diciamo che se fa li cazzacci sua, sport diffuso ed anche condivisibile.
      Finché mi dici che viene erroneamente visto come uno attaccato alla maglia e che non è un campione di professionalità ti dò ragione, però la sua schiettezza e la sua onestà intellettuale continuano a piacermi molto. Un uomo in mezzo a tanti bambini viziati e prime donne. Il vomito me lo provocano tanti altri, ma non Daniele. 😉
      @Il_Cannibale:

    2. @Il_Cannibale: tommasi aveva l’occasione di strappare dalla roma,o qualsiasi altro club, un super contratto? no, ecco…

  4. ..e te credo a 6 cocuzze ki nn sarebbe innamorato..

  5. Due anni passano velocemente: dipende.
    Se la forma sarà quella intravista nell’ultima partita può darsi, altrimenti passeranno circa 80 partite e 25mln lordi troppo tardi.
    Fino alla partita con l’udinese avrei scommesso che il momento per lasciare la squadra a buoni livelli era ormai passato, poi l’ultima mi ha acceso un barlume di speranza, ma forse è merito del ritiro che non può durare x due stagioni.
    Continuo a pensare che per il bene di tutti, in primis di Daniele, sarebbe una gran cosa se si trasferisse in MLS, ma questa intervista mi fa capire che non accadrà, non a luglio.
    Peccato.

  6. Se avessi percepito soldi per tutte le donne che ho amato…

    1. @Il_Cannibale: AHAHAHAH!!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: Si….sarei ricco anch’io….. 😉

  7. Un amore che gli sta rendendo bene. 6,5 Milioni di euro all’anno. L’ingaggio più alto dell’intera serie A. Peccato che il suo stato di forma e le sue prestazioni non giustifichino in alcun modo l’esborso di tale somma. In passato fui tra quelli che voleva che restasse. Al termine di una stagione a dir poco imbarazzante,anche e soprattutto a livello di condizione fisica,dico che sarebbe meglio per la Roma e forse anche per lui,se provasse un esperienza all’estero,magari nella MLS.

  8. quest’uomo non è mai banale, gli si può dire tutto ma ha una bella testa

    1. @22.07.1927:

      Vero…